Denunciata una persona per reati ambientali a San Marco

SAN MARCO ARGENTANO - Nella mattinata odierna, i militari della Compagnia Carabinieri di San Marco Argentano, a seguito di accertamenti mirati al rispetto della vigente normativa in materia ambientale, hanno posto sotto sequestro preventivo, nel comune di San Marco Argentano, un’area esterna di circa 150 mq, adibita sia ad autocarrozzeria che ad officina meccanica.

Incidente frontale sulla SP241, perde la vita uno spezzanese

CASTROVILLARI – Un bilancio drammatico quello dell'incidente verificatosi ieri sera sulla SP 241 nel tratto fra Cammarata e Castrovillari, che sembra abbia visto coinvolte tre autovetture, 5 persone fra cui un giovane di Spezzano Albanese che questa mattina ha perso la vita. Si tratta di Salvatore Montone, 42 anni, persona conosciuta nella comunità arbëreshe e ben voluta da tutti. Ancora poco chiara la dinamica dell'incidente che, dalle prime fonti, sembra essersi verificato intorno alle 19.30. Nell'auto su cui viaggiava Montone, un'Opel Astra, c'erano altre due persone (la sorella e il cognato di Montone) che, a quanto pare, erano diretti verso il nosocomio di Castrovillari per andare a trovare la figlia della coppia, ricoverata per un piccolo intervento.

Arrestati giovani spacciatori operanti nella Valle del Crati

COSENZA - Alle prime luci dell’alba, nei Comuni di Lattarico, Montalto Uffugo e Cosenza, i militari della Stazione Carabinieri di Lattarico, unitamente a quelli della Compagnia di Rende, con il supporto di un’unità cinofila antidroga di Vibo Valentia, a conclusione di un’attività d’indagine coordinata dal Procuratore della Repubblica di Cosenza, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Cosenza, che ha disposto la misure cautelare degli “Arresti domiciliari” nei confronti di Luciano Carnevale, 22enne, residente a Lattarico (CS), e di Claudio Alushi, 21enne, residente a Montalto Uffugo (CS), nonché la misura del “Divieto di dimora nel comune di Montalto Uffugo” nei confronti di un 28enne, albanese, e di un 26enne, cosentino, tutti indagati in ordine al reato di “Detenzione e Spaccio di sostanze stupefacenti in concorso”.

Spende oltre 1000euro da carte di credito rubate. Arrestato 27enne coriglianese

CORIGLIANO CALABRO – Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Corigliano Calabro hanno arrestato F.D.M. un italiano 27 enne del posto, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in regime degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Castrovillari – Ufficio G.I.P., per ricettazione ed uso di carte di credito oggetto di furto, che l’arrestato aveva utilizzato per acquistare diversi capi di vestiario firmati.

Denunciata una persona per smaltimento abusivo di reflui da frantoio

SAN MARCO ARGENTANO - Continua incessantemente l’attività preventiva e repressiva svolta dai carabinieri della compagnia di San Marco Argentano nell’ambito dei reati in materia ambientale. Nella giornata di ieri, i carabinieri della stazione di San Sosti, unitamente ai colleghi della stazione di San Marco Argentano, al termine di un controllo mirato al rispetto della vigente normativa ambientale, accertavano lo smaltimento abusivo dei reflui della lavorazione delle olive in un frantoio ubicato nella località di San Marco Argentano, deferendo in stato di libertà alla procura della repubblica di Cosenza, una persona resasi responsabile di scarico sul suolo di reflui industriali non autorizzati, nonché di getto pericoloso, deturpamento e danneggiamento del fiume Follone a causa dello scarico dei suddetti reflui di vegetazione.

Smaltimento abusivo di reflui, due denunce e sequestrato un frantoio

ROGGIANO - I carabinieri della stazione di San Sosti, al termine di un accurato controllo, che ha permesso di accertare lo smaltimento abusivo dei reflui della lavorazione delle olive in un frantoio ubicato nella località di Roggiano Gravina, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Cosenza, n. 2 persone, resesi responsabili di scarico sul suolo di reflui industriali non autorizzati.

Un arresto e tre denunce nella Sibaritide da parte dei Carabinieri

CORIGLIANO - Nell’ambito dei servizi disposti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Cosenza, finalizzati al controllo del territorio e alla prevenzione dei reati in genere, i Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno continuato nei dettagliati controlli e nell’attività di prevenzione e repressione sul territorio di competenza, questa volta focalizzando l’attenzione nella zona della sibaritide.
Il bilancio del servizio svolto nella giornata di ieri è di un arresto, tre persone denunciate all’Autorità Giudiziaria, tre giovani segnalati alla competente autorità prefettizia per uso personale di sostanze stupefacenti, nonché di 51 veicoli controllati sulle arterie principali ed in particolar modo nei pressi della trafficatissima S.S. 106.

Controlli sul territorio, denuncuate 6 persone. Tre non avevano licenza Mediaset per le partite

ESARO - Nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale carabinieri di Cosenza, finalizzati al controllo del territorio ed alla prevenzione dei reati in genere, i militari della compagnia carabinieri di San Marco Argentano, nella giornata di ieri, hanno eseguito perquisizioni e controlli alla circolazione stradale, nonché agli esercizi pubblici. Il bilancio è stato di n. 6 persone deferite in stato di libertà alle competenti autorità giudiziarie. In particolare, in Santa Sofia d’Epiro, i militari della locale stazione, deferivano per reati ambientali n.2 imprenditori per aver attivato, in località Ischie di Crati, una discarica abusiva di circa 400 mq, costituita da elettrodomestici fuori uso e scarti di materiale inerti provenienti da demolizione di lavori edili.

Minacciava la ex moglie, arrestato 38enne a Corigliano

CORIGLIANO CALABRO - Lunedì sera, i Carabinieri della Stazione di Corigliano Calabro Centro hanno arrestato C.A. un 38 enne italiano, nato in Germania, ma residente in zona, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in regime degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Castrovillari – Ufficio G.I.P., per aver posto in essere ripetute condotte vessatorie nei confronti dell’ex coniuge e per aver violato ripetutamente la precedente misura restrittiva già disposta dall’Autorità Giudiziaria.

Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners