Alcide Simonetti

Alcide Simonetti

URL del sito web:

Festeggiati a Spezzano i 100 anni dei nonni Giuseppe e Angelo Maria

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s

SPEZZANO ALBANESE - Ieri la comunità di Spezzano Albanese ha festeggiato Giuseppe Nociti (classe 17.02.1917) e Angelo Maria Nociti (18.02.1917) per aver compiuto entrambi cent’anni. A condividere la gioia di spegnere le 100 candeline con gli amati centenari, le famiglie, gli amici, i parroci del Paese (Don Fiorenzo e Don Emanuele), le suore figlie di Maria Ausiliatrice, il Sindaco Ferdinando Nociti (e tutta l’amministrazione comunale), il quale, durante la cerimonia religiosa svoltasi nella chiesa del Carmine,  ha donato una Targa di ricordo.

0
0
0
s2smodern

Grillini all'arrembaggio, o forse no! La parola alla legge elettorale

0
0
0
s2smodern

L’esito referendario del dicembre scorso, oltre ad aver rottamato il Governo di Matteo Renzi, ha posto fine al trentennale riformismo istituzionale dei partiti, dando inizio ad una stagione di turbolenza ed instabilità politica (non breve) che neppure le prossime elezioni saranno in grado di superare.
Di conseguenza, in questa nuova fase, i partiti tradizionali hanno l’obbligo di rinnovarsi (sia nei contenuti programmatici che nei quadri dirigenziali) e riposizionarsi, evitando di favorire quei processi di frammentazione e divisione già in atto.

0
0
0
s2smodern

Riforma Costituzionale, ecco cosa cambia

0
0
0
s2smodern

Non avendo raggiunto i 2/3 di entrambi i rami del Parlamento per l’approvazione della legge costituzionale n.88 del 15 aprile 2016, è stato necessario, per come previsto, chiamare i cittadini italiani, il 4 dicembre, a pronunciarsi con il Referendum confermativo.
Una legge di modifica costituzionale vasta e complessa che è stata oggetto di un iter parlamentare molto lungo, durato circa due anni (8 aprile 2014-15 aprile 2016), ed accidentato, essendo state svolte diverse centinaia di sedute in commissione, sentiti un vasto numero di esperti in materia, nonché trattati diverse migliaia di emendamenti.

0
0
0
s2smodern

Il Partito del "No" per un Paese in cerca d'autore

0
0
0
s2smodern

Nella breve Storia Repubblicana ai partiti tradizionali è doveroso aggiungere, anche, il “Partito del NO”, il quale rappresenta una forza, immanente, maggioritaria, trasversale e reazionaria all’interno del Paese che si pone, sempre e comunque, da ostacolo ad ogni tentativo di innovazione e modernizzazione del “Sistema Italia”.
Ultimamente innumerevoli sono le battaglie intraprese: No alle riforme costituzionali, No alle Olimpiadi nella Capitale, No al Ponte sullo stretto, No alla Tav, No alle discariche integrate di smaltimento di rifiuti, No alla Riforma del mercato del lavoro, No alla riforma della Giustizia, No alla riforma del sistema creditizio e quant’altro.

0
0
0
s2smodern

Un saluto all'ambasciatore di Spezzano nel mondo: Francesco Fusca

0
0
0
s2smodern

L'Ispettore Fusca nel suo ultimo articolo su “Diritto di Cronaca” (24.06.2016), prima della sua fulminea dipartita, nel commentare positivamente l'approvazione alla Camera della nuova legge denominata “dopo di Noi” che si occupa delle persone con disabilità gravi che restano senza sostegno familiare, riaffermava con forza il ruolo principale della Scuola (con la S maiuscola come soleva dire) nell'integrazione delle persone disabili, nonché individuando sempre nell'istituzione scolastica (nel suo insieme) il soggetto promotore della costruzione di una società inclusiva.
Dall'anzidetto intervento è ricavabile il leitmotiv della sua ricerca, durata oltre quarant'anni.

0
0
0
s2smodern

Aria di cambiamento nel bilancio politico post elettorale

0
0
0
s2smodern

Il quadro, uscito dalle ultime competizioni amministrative di giugno, non mi pare chiaro ed univoco. I risultati dei ballottaggi di ieri, certamente, hanno amplificato la misura dell'insuccesso elettorale del Pd, il quale ha perso 4 capoluoghi di regione su sei. Il Movimento 5 Stelle, non solo ha espugnato, clamorosamente, Roma, sebbene fosse già nell'aria, dopo i vari scandali che avevano coinvolto le precedenti amministrazioni, ma addirittura l'ex capitale d'Italia (Torino), ribaltando l'esito del primo turno (e “mandando in pensione” un importante leader nazionale come Fassino).
Numerose città, amministrate da “giunte rosse” (45 su 90) come Trieste, Grosseto, Novara, Brindisi, Pordenone, Benevento, Crotone ed Olbia hanno cambiato colore. Emblematica la sconfitta di Sesto Fiorentino, comune governato ininterrottamente dal 1899 dalla sinistra, che racconta molto bene l'aria che tira intorno al partito di Renzi.

0
0
0
s2smodern
Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners