L’Arco è stata premiata tra le eccellenze calabresi

  • Importante la competenza del dottor Pierpaolo Correale, attuale direttore dell’oncologia degli ospedali “Riuniti”
Il presidente Provenzano riceve l'attestato a Reggio Calabria Il presidente Provenzano riceve l'attestato a Reggio Calabria

ROGGIANO GRAVINA - L’Arco, “Associazione riuniti Calabria oncologia”, guidata dal roggianese Francesco Provenzano, è stata premiata - nei giorni scorsi - a Palazzo Campanella, sede del Consiglio regionale.

È avvenuto nella sala “Federica Monteleone” per l’evento denominato “La Calabria che lavora, si muove e si afferma”, premio alle Eccellenze calabresi. Il riconoscimento è arrivato grazie all’impegno associativo della Onlus che partendo dall’Esaro ha portato nell’intero territorio regionale, e soprattutto per la notevole competenza del dottor Pierpaolo Correale, attuale direttore dell’oncologia degli ospedali “Riuniti” di stanza nella città dello Stretto, per «la fase due di sperimentazione su pazienti ricoverati in Calabria del “farmaco antitumorale TSPP” attivata grazie al protocollo d’intesa avuto con l’Università di Siena. Alla manifestazione sono intervenuti, tra gli altri, nei lavori coordinati da Emanuela Marchio, il sindaco Giuseppe Falcomatà, il presidente della Cciaa reggina, Ninni Tramontana, quello di “Riviera dei tramonti”, Sergio Tomaino ed i consiglieri regionali Franco Sergio Domenico Battaglia e Giuseppe Pedà. Ha concluso la serata Nicola Irto, presidente del Consiglio regionale della Calabria.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners