Savina Chiodo riconfermata alla guida del Prc

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
Savina Chiodo Savina Chiodo

TORANO CASTELLO - Alla guida del Partito di Rifondazione Comunista resta Savina Chiodo. La riconferma della segretaria uscente è avvenuta al termine del congresso del Circolo “Giovanni Carnevale” di Torano Castello, svoltosi nella Sala delle Culture di Sartano. I lavori congressuali sono stati preceduti dai saluti del presidente Archimedo Ruffo e della segretaria Savina Chiodo, i quali hanno evidenziato il grave stato di crisi politica ed economica in cui versa oggi l’Italia. Si è passati, quindi, alla presentazione dei due documenti da parte di Simone Romeo e Renato Siracusa.

Nel suo intervento Romeo ha sottolineato che” la crisi in cui ci troviamo ha la propria origine non nella scarsità, ma nella sovrapproduzione che il capitalismo ha contribuito a creare. Le politiche neo liberiste adottate hanno purtroppo provocato disuguaglianze tanto che oggi l’1% ricco della popolazione possiede un patrimonio maggiore di quello restante 99%”. Per Romeo “l’8% ha la stessa ricchezza di 3,6 miliardi di esseri umani. E’ necessario perciò ribellarci alle politiche neoliberiste che hanno provocato ingiustizie e disuguaglianze. In Italia il governo con la scusa del pareggio in bilancio ha smantellato il sistema di welfare che garantiva i diritti sanciti dalla Costituzione quali quelli al lavoro, alla salute, all’istruzione”. Poi è stata la volta di Renato Siracusa il quale ha ribadito che con la vittoria storica del referendum “è stata salvata la Costituzione nata dalla Resistenza: dal tentativo di ridurre la Repubblica parlamentare a un premierato assoluto, di sottrarre l’autonomia alle regioni in un progetto neo-centrista. Oggi “- ha continuato Siracusa - bisogna parlare non più di questione meridionale ma di questione continentale. E proprio dal Sud può partire una lotta organizzata contro il proprio ruolo di appendice subalterna ai dettami politici finanziari dell’U.E. in collegamento con i conflitti, i movimenti e le lotte di paesi quali la Grecia, Portogallo, Spagna. Soltanto dalla costruzione del conflitto e di una lotta di liberazione dalle politiche di austerità - ha detto ancora Siracusa - può nascere una nuova democrazia”. Le conclusioni sono state affidate al dirigente del PRC Francesco Saccomanno che nel suo intervento ha ribadito la necessità del partito di occuparsi dei problemi delle singole realtà ponendo l’attenzione sulla salvaguardia del territorio per evitare disastri idrogeologici come quello verificatosi a Cavallerizzo.

© Riproduzione riservata
0
0
0
s2smodern
Torna in alto

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners