fbpx

Ricominciare

anna de blasiE’ arrivato il momento. Arriva per tutte, prima o poi: settimana prossima dopo due anni di attività mammesca a tempo pieno, e lavoro giornalistico da casa, lavorerò. Fuori casa. L’insegnamento della storia dell’arte mi aspetta. E sono felice. Pur se ciò comporta tram e tragitti da me poco conosciuti. E sono imbranata e distratta. Ma ce la posso fare. E poi anche nella fredda Lombardia sapranno dare un’informazione nell’ipotesi non proprio remota che io mi perda …
E sono una donna moderna, emancipata, convintissima che le mamme abbiano il diritto di lavorare. Ma sono migrante. E non ho i nonni vicino. E Ginevra non va ancora all’asilo. Ma esistono le donne, le mamme “di salvataggio”, le amiche e le vicine di casa. Perché le donne, con buona pace di tutti i luoghi comuni, sanno esserci per le altre donne. E le mamme sono capaci, se pur sempre più trafelate, di guardare più bimbi. Anche quelli non propri. E non sarò mai, e non mi interesserebbe nemmeno esserlo, una donna da spot, che arriva a lavoro fresca come una rosa, truccatissima e bellissima, sempre “in”, che con tutta la calma possibile  riesce ad organizzarsi al minuto, senza correre o invocare un esorcismo. Io molte volte mi sento un’invasata! E non sarò la donna che ricorda al “maritino” di prendersi le chiavi, di solito è Ginevra che lo ricorda a noi. Sarò stanca. Trafelata. Mediamente soddisfatta e mediamente felice. Come tutti. Abito la vita reale. E nonostante convinzioni ataviche, nonostante il bisogno di essere donna al di là della maternità, nonostante tutto questo e molto altro ancora, io lo so che una lacrima seguirà il mio tragitto, perché Ginevra è la cosa più bella che io abbia mai potuto fare. Perché è la prima volta che la lascio. Perché la simbiosi con i figli esiste. Perché mi mancherà. Perché noi mamme siamo animali e siamo sempre (anche erroneamente) convinte che “i nostri cuccioli” sappiamo proteggerli solo noi. Ma sono una donna, madre di una futura donna, e questo basta per non farmi retrocedere. E allora buon inizio a me. Ginevra se la caverà benissimo con le “mamme di salvataggio”. Perché lei, come tutti i bimbi, è straordinariamente avanti.
© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners