fbpx

Compleanni, ricorrenze e memorie

anna de blasiVenerdì scorso Naomi Campbell ha compiuto 45 anni, la notizia mi giunge tramite sms: io al parco con Ginevra back in action, mio marito dal divano mentre guarda il tg mi scrive. Non si dilunga sull’indiscussa beltà della venere nera, è cosa nota. Sulle sue gambe chilometriche, la pelle color ebano, lo sguardo da pantera, e tutto il resto… Non è necessario questo surplus di informazioni: lei è una dea, si sa. Mi comunica il compleanno della super top, aggiungendo “Io preferisco te, ora e sempre”.

Sorrido a questo atto dovuto di galanteria matrimoniale o tentativo di non incorrere in un omicidio. Sorrido, mentre guardo me e Ginevra che ci rotoliamo sull’erba, sporche, arruffate, sorridenti, lontanissime da perfezione e pailletes. I miei capelli, come i miei pensieri, al solito arruffati, i miei abiti sporchi d’erba e mirtillo. Il mio profumo un misto di fiori e latte. Sorrido e, più per abitudine che per reale necessità, cerco il mio specchietto da borsa, che emerge dopo varie ricerche sepolto da bavette e biberon, mi ripasso il rossetto e stanca e sorridente mi avvio verso casa, augurando, con tutta l’invidia possibile, un sereno compleanno alla diva. Altre notizie ed eventi e ricorrenze meno frivole giungono da un televisore. Ancora una volta attraverso quel bellissimo film di Giordana che è “I cento passi” tutta la rabbia e l’impotenza e l’emozione che si possono contenere mi giungono. Io e mio marito lo guardiamo assieme, commossi, arrabbiati, mentre ideali, i nostri ideali condivisi, sembrano palesarsi sotto forma di una lacrima silente. Nello stesso momento guardiamo Ginevra, che ci respira accanto, promettendoci tacitamente di insegnarle “lo splendore della disubbidienza” (Sofocle), della non accettazione dell’ingiustizia. E’ il nostro augurio: per lei. E’ il nostro preferirci ora come allora come sempre. Un po’ più in là dell’indifferenza.

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Ultimi da Anna De Blasi

Altro in questa categoria: « I compiti delle vacanze Ricominciare »
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners