fbpx

Bellissima

anna de blasiBellissima, film di Luchino Visconti, 1951, con Anna Magnani, racconta, in pieno clima neorealista, la storia di una famiglia come tante. Una famiglia semplice, umile, con una bimba piccola da crescere, un mutuo da pagare, e residente in un quartiere popolano romano. La trama del film è nota:  un giorno il regista Alessandro Basetti (che interpreta se stesso) indice un’audizione per trovare una bimba che sarà la protagonista del suo prossimo film “Oggi, Domani, Mai”.

Anna Magnani, nel film Maddalena Cecconi, interpreta una mamma che accompagna la figlia  alle audizioni, facendo innumerevoli sacrifici per permettere alla figlia di realizzare quel sogno che forse è più suo. Le cuce vestitini nuovi, la iscrive a corsi di recitazione e danza, la porta dal parrucchiere, la reinventa. Il personaggio interpretato dalla Magnani può sembrare, e forse in parte lo è, una madre ossessiva, vanitosa fino allo spasimo, un po’ patetica, ma bisogna contestualizzare il film: siamo in clima neorealista, nel dopo guerra, e per Maddalena Cecconi l’incontro con il regista non è l’appagamento di un insano sentire mammesco, e neanche un riscatto sociale, ma un modo per uscire dalla miseria. Un modo per mangiare. L’avvenire per la figlia.  E forse maggiore comprensione si può avere per questo prototipo di madre e donna( e poi  la Magnani, come la Juve, il suggerimento calcistico è di mio marito, non si discute)calandola nel suo contesto storico. Ciò che a mio parere non trova alcuna legittimità sono i moderni concorsi di bellezza per bambine. Bambine adultizzate ed ammiccanti, così inconsapevoli della parte costrette a recitare. Così messe in competizione. Sarà che la competizione non mi appartiene, sarà che il total pink che impazza in questi concorsi mi provoca giramenti di testa ed offuscamento della vista, sarà che in epoca post femminista questo ritorno al passato è uno stanco procedere, sarà che sono fermamente convinta che i bambini devono semplicemente essere bambini, ma questi concorsi mi provocano una profonda ed infinita tristezza.

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Altro in questa categoria: « Pasquette Pubblicità ingannevoli »
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners