fbpx

Giochi di genere

Ho sempre pensato, ancor prima di essere madre, semplicemente ora la mia convinzione si è rafforzata, che non bisognerebbe diversificare i giochi. Non esistono giochi per “femmine” e giochi per “maschi”. Esiste la creatività dei bambini. La loro poetica scoperta del mondo. E non è solo un mio principio femminista (dove è scritto, e se è scritto da qualche parte cancelliamolo, che una futura donna debba cucinare/lavare/stirare, e quindi sin da piccola educata a fare di questi giochi?) è buon senso.

I bambini devono essere lasciati liberi, manifestare sin da piccoli la propria essenza e le proprie passioni. E quindi una bimba può giocare a fare il meccanico ed un bimbo cullare le bambole, magari da grande lei sarà un tecnico e lui un casalingo perfetto, o forse no, ma non è necessario diversificare i giochi. Il gioco è esplorazione del mondo circostante, conoscenza di sé e del mondo intorno. E poi è bellissimo vedere che qualcosa sfugge. Che ogni bimbo, bimba, è attratto da cose diverse. Tutto ciò ci fa uscire da rigide regole e clichè, da formalismi e ruoli precostituiti, in una parola sola guardare il mondo attraverso gli occhi dei nostri figli ci rende liberi. L’altra notte Ginevra, mia figlia, non voleva proprio dormire. Ha “devastato” mezza casa: buttato a terra scarpe, bottiglie di latte, ciabatte. Fermarla? Impossibile!!! E allora, contraddicendomi (Mi contraddico, contengo moltitudine, diceva il poeta …) ho preso una bambola, un cucchiaino, una tazzina, implorando Ginevra di far mangiare e poi addormentare la sua bambola. Lei mi ha guardato, mi ha sorriso con il sorriso più bello del mondo, e si è diretta verso il mio computer. La mia parte femminista ne ha gioito, quella mammesca ed un po’ assonata si è semplicemente rassegnata: i bambini sono più avanti. Con buona pace di clichè e della mia stanchezza mammesca…

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Altro in questa categoria: « Di memorie passate. E future Migranze »
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners