fbpx
Logo
Stampa questa pagina

Smentendo luoghi comuni

anna de blasiCapita, non dovrebbe ma capita, di trovarsi in ospedale con il proprio/a figlio/a. Capita di dover fare dei controlli di routine, e che per varie circostanze esistenziali di fare la spola fra la Lombardia e la Calabria, Milano e Cosenza, in questi casi si notano le differenze, saltano agli occhi, ci si perde, durante le lunghe, interminabili ed  insostenibili attese nei corridoi nell’analisi di luoghi comuni.

E’ un modo, anche, per ingannare l’attesa, discorrere sul tempo e sull’età, sulle differenze fra Nord e Sud, che è un po’ uno sport nazionale. E senza voler aprire una diatriba (banalmente la penso come il poeta “Ogni terra è la mia terra”) fra Nord e Sud, quest’ultimo, meraviglioso ed amatissimo sembra uscirne sconfitto, almeno se si parla di strutture e sanità (tralasciando il sole ed il mare. E il cibo. E il calore della gente. Ed i paesaggi e tanto altro ancora come, per dirla con Rino Gaetano, “Quell’uva rubata al filare e la donna nel lutto di sempre”). La sanità del sud ha, volendo usare un eufemismo, sempre avuto delle problematiche. Capita di tornare come Ulisse nella propria Itaca, e quindi di usufruire dei suoi servizi. Magari con qualche pregiudizio (è semplicemente apprensione mammesca). E  con il fiato in gola ci si rivolge alla struttura preposta, nel  caso di specie, Cosenza, Annunziata, Pediatria. E tutto ciò di cui si aveva paura o pregiudizio scompare all’apparire del Primario, Dottor Sperlì: competente, gentile, anche più del dovuto (gli intoppi burocratici non mancano mai, ma lui, come il medico delle fiabe, ha risolto tutto), paziente, serio. Un medico. Il medico dei bimbi. Umano ed attento. Del Sud. Il nostro Sud. Con la nostra bella gente. E le nostre eccellenze. Perché al di là dei luoghi comuni, ci sono le competenze, gli ospedali che funzionano, a Nord come a Sud, ci sono medici che salvano le vite, lontani da scandali e sensazionalismi, che nel loro silenzio ridanno vita ad un bimbo. Ed a una mamma. A Milano come a Cosenza, perché oltre a sole/mare/ cibo… “Anche questo è Sud” (Rino Gaetano).

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Ultimi da Anna De Blasi

Template Design © Expressiva Comunicazioni. All rights reserved.