fbpx

L'utilità dell'inutile. Manifesto di Nuccio Ordine

l utilit dellinutileNon è vero, neanche in tempo di crisi, che è utile solo ciò che produce profitto. Purtroppo, come scrive Nuccio Ordine, Professore ordinario di Letteratura Italiana nell’Università della Calabria ed autore del bestseller “L’utilità dell’inutile”, nell’universo dell’utilitarismo un martello vale più di una sinfonia, un coltello più di una poesia, una chiave inglese più di un quadro: perchè è facile capire l’efficacia di un utensile mentre è sempre più difficile comprendere a cosa possano servire la musica, la letteratura o l’arte.

Ordine in questo preziosissimo saggio ci ricorda come tutti i pensieri che hanno rivoluzionato la storia erano (in apparenza) inutili. Attenzione: non inutili nel senso di non necessari, inutili nel senso di liberi dall’idea del profitto. Utili, quindi, ad uno scopo più alto che nulla aveva a che fare con l’arricchimento economico. L’ ossessione del possesso e il culto dell’utilità finiscono per creare danni irreversibili e spingere al conformismo, eliminando la gratuità e l”’inutile”, uccidendo quei “lussi” ritenuti superflui, difficilmente l’homo sapiens potrà rendere più umana l’umanità perciò questo saggio è da considerarsi un invito a ripartire dall’inutile. L’autore resta sullo sfondo rispolverando teorie di grandi come Wittgenstein e Calvino, ma trova un pensiero estremamente moderno e calzante in Abraham Flexner, che nel suo affascinante saggio, ricorda come anche le scienze ci insegnino l’utilità dell’”inutile”. Gli esempi che fa Ordine sono tanti, concreti e socialmente spaventosi: dall’Università che impone un ragionamento di stampo economico tra debiti e crediti formativi, o ancora il mondo sanitario in cui si prescrivono analisi e operazioni inutili in nome dei numeri che garantiscono fondi, fino alle speculazioni edilizie, alla compravendita di voti, di successo e perfino dignità. Quando l’utile diventa il fine e smette di essere il mezzo, dobbiamo fermarci e pensare che non possiamo mercificare tutto. Il libretto si sofferma sull’errore di credere nell’idea che tutti e tutto si possa comprare. La conoscenza non si può comprare ed essa è la sola capace di costruire coscienza civile. La cultura si conquista con un sacrificio che tu e solo tu come individuo puoi fare, e soprattutto non impoverisce mai ma arricchisce e libera. Secondo Ordine l’unica via d’uscita è una visione dell’economia che si muove in funzione del sapere, del conoscere, del capire. Perché solo l’inutile ci salverà. In ogni caso, non c’è nel libro una contrapposizione tra utile e inutile, ma un’ esaltazione dell’inutile poiché oggi viene disprezzato e i risultati di questo disprezzo si vedono chiari in questo “secol superbo e sciocco” (per dirlo alla Leopardi). Chi legge il libro capisce che non possiamo fare a meno della musica, dell’arte, della bellezza, della letteratura, ma che sempre di più stiamo educando delle generazioni che perdono la sensibilità su queste cose poiché l’unica cosa che siamo in grado di insegnare è che tutto passa attraverso il denaro che uno guadagna, che persino l’onore di una persona vale meno del denaro che uno può avere. Dobbiamo capire quelle circostanze in cui l’utile è inutile e noi crediamo, in un’accezione consumistica, che sia utile. Dobbiamo capire che l’unico modo per combattere la corruzione mondiale è difendere la cultura che dà la possibilità di essere uomini migliori. C’è un doppio intreccio che bisogna tener in mente nel leggere questo saggio: c’è un incrocio tra l’utile virtuoso e l’inutile apparente da cui si parte, e un incrocio tra l’utile virtuoso e l’inutile apparente a cui si arriva. Di questa scuola dell’inutile non ci resta che sperare che abbia sempre più scolari. Un libro da leggere come guida per affrontare l’attuale periodo storico azzannato da crisi morale ed economica.

Titolo del Libro: L'utilità dell'inutile. Manifesto
Autore : Nuccio Ordine
Editore: Bompiani
Collana: Saggi, 12° edizione     
ISBN: 9788845274480

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners