Diritti dell'Infanzia e Muro di Berlino

Apparentemente lontani, nei fatti vicini e interconnessi, significativi per il ‘viaggio’ della Cultura e della Civiltà verso la realizzazione dei Diritti umani e della Solidarietà.
Il 1989 è un anno fatidico, sicuramente di portata storica, per l’Umanità tutta. Ne parliamo oggi con cognizione di causa, consapevoli della gittata rivoluzionaria sotto il profilo della Giustizia tra le Persone della Terra, dell’improcrastinabile  concretizzazione dell’Amicizia vera tra i Popoli.
L’abbattimento del Muro di Berlino, che ha diviso non solo una grande città in due facce della stessa medaglia umana, ma soprattutto creato e mantenuto due ‘blocchi’ di Paesi contrapposti e, dunque, di belligeranti disposti a tutto: la “guerra fredda”, dove per ‘fredda’ si intende proprio la freddezza della morte: della morte, per essere chiari fino in fondo, di tutta l’Umanità…; e l’elaborazione e il compimento da parte dell’ONU della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, ratificata dalle Nazioni Unite il 20 novembre e adottata da ben 150 Paesi del mondo, ebbene questi sono senza ombra di dubbio avvenimenti socio-culturali e politici, che danno Senso alla Storia e indicano all’Umanità tutta il verso dove andare che, indubbiamente, coincide con l’attuazione concreta (e non solo dichiarata e sbandierata a parole o per iscritto…) dei Diritti umani e della Solidarietà civile.
54 articoli, la Convenzione, che ribadiscono l’attenzione politica internazionale sulla/all’Infanzia sia della Dichiarazione di Ginevra (1924) che della Dichiarazione in dieci Principi (1959), e che l’Italia ratifica con la Legge n. 176 il 27 maggio 1991.
Con la differenza, oggi (1989), del valore aggiunto di una concezione che non vede e considera più il Bambino e la Bambina soggetti di soli diritti: soggetti da proteggere e salvaguardare e basta, ma soprattutto protagonisti di scelte e titolari del loro personale Progetto di vita, attraverso scelte oculate e critiche di menti ben fatte (parafrasando Edgar Morin oggi e Aristide Gabelli ieri).
Come dire: il bambino sin da piccolissimo deve essere aiutato a capire, soprattutto attraverso l’esempio concreto  e ad inculcare le idee di diritti e doveri, alla pari per tutti, per una società veramente giusta, legale, libera grazie al lavoro diffuso e garantito.
Insomma, in sintesi, al di là delle ‘piccinerie’ e delle ‘povertà’ umane; al di là degli egoismi umani (del Muro che divide e alimenta odio; e dei Diritti dell’Infanzia sovente calpestati, derisi, bruciati, schiacciati, …) c’è un’Umanità, la migliore, che cresce in Culture e in Civiltà, e il gioco delle parti -il famoso rispetto delle Regole dei gioco secondo la grande lezione di Norberto Bobbio- lo fa con serietà e dignità come quando… i bambini giocano. Auguri all’Umanità!
© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners