fbpx

Crocifisso nelle aule scolastiche: questioni di lana caprina

Lo stesso don Lorenzo Milani (che è quanto dire!) quando insegnava, negli anni Sessanta, metteva il Crocifisso nel cassetto…
È questione di lana caprina? Ebbene, sì! Nonostante la ‘questione’ sia grande, enorme… Enorme perché -il Cristo: Io sono la Via, la Verità, la Vita- va ad esplorare e a tentare di intuire (capire?) quella parte del mistero umano della Vita connessa, inesorabilmente, al Viaggio nel Tempo e alla Morte.
Certo, “a naso” il problema lo risolve, bene, la fede. Ma, bisogna averla e averla davvero. Essa, difatti, non si insegna, non si compera al mercato, non si baratta con nulla…
E dunque, di quando in quando, ‘scoppia’ il caso, in Italia: -Tenere nelle aule della Scuola del nostro Paese il Crocifisso oppure cacciarlo? Imporlo, come hanno fatto e vanno facendo certi sindaci (e sbagliando, anche sotto il profilo legale…), o lasciare che la tradizione pluridecennale continui la sua usanza e il suo significato di Senso?
Non v’è dubbio che, nel 2.009, globalizzazione, glocalizzazione, “società liquide”, interconfessioni, Diritti umani, Giustizia, Solidarietà, …tutto ciò, ‘dentro’ le Culture e le Civiltà, sia un insieme complesso ed eterogeneo che, se da un lato, garantisce diritti ad alcuni (o a molti), dall’altro li lede ad alcuni (o a molti).
E dunque? Il simbolo Crocifisso (e quel che diversamente significa a Scuola per studenti/esse, genitori, docenti, …) non fa male a nessuno, né spinge o educa alla cattiveria, delinquenza, invidia, gelosia, …Pertanto, il Crocifisso a Scuola ci sta bene!
Certo, i simboli di Maometto, Confucio, …se richiesti dai genitori, in aula, sicuramente dovranno trovare spazio, perché col Cristo non confliggono né cozzano né stridono.
Difatti, con la grande Albanese di Skopje (Albania): Madre Teresa (di Calcutta) concordiamo, in armonia e con gioia: «C’è un solo Dio ed è Dio per tutti. (…). Ho sempre detto che dobbiamo aiutare un Indù a diventare un Indù migliore, un Musulmano a diventare un Musulmano migliore, un Cattolico a diventare un Cattolico migliore. Crediamo che il nostro lavoro deve essere di esempio alla gente».
© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners