fbpx

La morte delle Direzioni didattiche e delle scuole medie

Legge n. 111/11 15 luglio: «Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria»-
Riflessioni ad alta voce e scritte.
Questa legge, che consta di 41 articoli, riguarda direttamente, per alcuni aspetti rilevanti, la Scuola italiana e la sua organizzazione.
Difatti, l’art. 19, con i suoi 16 commi, analizza sviscera muta l’organizzazione del Sistema-Scuola del nostro Paese attraverso una serie di ‘creative’ cesure, con ‘tagli’ spropositati, …, i quali tutti cambiano il volto della Scuola italiana, e da ‘interventi’ (pur necessari e inderogabili) di natura ‘fisiologica’ si è passati brutalmente a ‘interventi’ di natura ‘patologica’. Questo, ovviamente, è il punto di vista di un Uomo della Scuola, che ha insegnato, diretto Scuole, svolto e svolge la Funzione ispettiva da venticinque anni…
Qualche esempio, utilizzando un linguaggio-pensiero chiaro e non quelle ‘finzioni’ che passano, quando si analizza qualcosa, sotto le parole-concetti: -Le luci e le criticità. È corretto e giusto parlare, all’uopo, di luci e di ombre, di positività e di negatività… La parola ‘criticità’ attenua, nasconde, imbroglia… Dunque:
1. Che senso ha fare… di tutte l’erbe un fascio, mettendo insieme   -oves et boves-   dalla Scuola dell’infanzia (dai tre anni) sino alle scuole del Secondo ciclo dell’istruzione (18-19 anni), così come le definisce la Legge n. 53/03? Istituti onni/omnicomprensivi. E questo già c’era e, erroneamente, si è fatto… Ma, devono tornare i conti, costi quel che costi… anche: (A) la perdita di attendibilità e di credibilità sotto i profili della  professionalità competente e della ricerca scientifica; (B) la competitività sui livelli di qualità dell’azione pedagogico-didattico-  organizzativa (il numero spropositato ingovernabile di studenti/esse, e di docenti, con i quali, nei momenti di Collegio dei docenti, si è alla… farsa);
2. Che senso ha, veramente, parlare di continuità didattica quando, da almeno un  ventennio, si ignora questo principio che non è didattico ma sostanzialmente principio pedagogico? Della serie: -Quando ti conviene, per le più svariate ragioni (più o meno invalide), sai che c’è, a mo’ d’esempio, l’art. 2 della Legge n. 148/90 che sancisce e garantisce (sulla carta: e questa è testimonianza diretta di chi scrive) la CONTINUITÀ EDUCATIVA;
3. Risparmiare è una buona parola concetto prassi sì, ma A PATTO CHE… Come anche economicità. Come anche efficienza efficacia… Sono, tutte, parole concetti prassi interessanti, ma a patto che si consideri l’Umanità. L’Umanità dell’Uomo e della Donna: i loro ritmi esistenziali di vita e di lavoro; il diritto a realizzare al massimo possibile il Progetto personale di vita (la Persona); il diritto alla Gioia e alla Speranza, in un  mondo, anche del lavoro, su misura –  differenti diversità–   del principio ontologico e deontologico de: Tu sei diverso COME me, non sei diverso DA me;
4. Pertanto, e con tutto il rispetto che si deve alla legge e al Parlamento che pensa le leggi e le discute e le approva, non possiamo non dirci ‘sorpresi’ ‘guardinghi’ ‘sospettosi’ relativamente al comma 4 della 111, che così recita: «Per garantire un processo di continuità didattica nell’ambito dello stesso ciclo di istruzione, a decorrere dall’anno scolastico 2011-2012 la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado sono aggregate in istituti comprensivi…», con la soppressione delle Direzioni didattiche e delle Secondarie di 1° grado ad oggi, ancora, esistenti (scriviamo nell’ottobre 2011). I ‘nuovi’ Istituti comprensivi, continua la Legge 111, per poter avere l’Autonomia (e, dunque, un Dirigente scolastico con l’Ufficio e tutto quel che ne consegue), devono avere una popolazione  scolastica di non meno di 1.000 alunni/e, che, per le Istituzioni che insistono nelle piccole isole e/o nei comuni montani e/o là dove vivono le Comunità delle “Minoranze linguistiche storiche” (Legge n. 482/99), il numero scende a 500 unità-
© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners