fbpx

Esaro, mestizia e impotenza per tre decessi da Covid nel comprensorio

ROGGIANO GRAVINA – C’è un senso di mestizia e di impotenza nel comprensorio della Valle dell’Esaro. Mestizia perché si piangono altri tre morti di questa sgradevolissima pandemia; impotenza perché è così che ci si sente di fronte a questo mostro invisibile che s’insinua nelle vite di molti, specie dei più fragili, sicuramente accorciando la propria esistenza terrena.

San Sosti, Valentina Cundari referente cittadino Udc

SAN SOSTI - Nell’ambito della riorganizzazione del partito sul territorio, nei giorni scorsi l'Udc ha proceduto a nuove nomine. Tra queste, per la cittadina del Pettoruto è stata nominata Valentina Cundari, giovane e valente avvocato di professione nonché componente della maggioranza consiliare sansostese.

Esaro, deceduto di Covid-19 un pensionato di San Sosti

VALLE DELL'ESARO - Dopo alcune vittime della prima ondata avvenuta nella scorsa primavera, il comprensorio piange la prima persona deceduta per Covid-19 in questo periodo. Si tratta di un pensionato 71enne di San Sosti deceduto in ospedale a Cosenza ma che proveniva dalla Rsa San Giuseppe, i cui funerali si sono svolti già ieri.

San Sosti, il Covid-19 ha contagiato anche il sindaco

SAN SOSTI - Il sindaco sansostese Vincenzo De Marco è risultato positivo al Covid-19. Lo si apprende tramite un posto social dell’assessore Amerigo Ricca il quale porge «un augurio di pronta guarigione al primo cittadino, a sua moglie – ancora contagiata – nonché agli altri due casi attivi in paese».

Mottafollone, provinciale 263 ai limiti di percorribilità

MOTTAFOLLONE - La provinciale 263, nel tratto che porta dal bivio di San Sosti alla Scivolenta di Sant’Agata d’Esaro, è ai limiti della percorribilità. Anzi, per dirla tutta, nella parte che attraversa il territorio di Mottafollone, fra le zone di Gadurso e Gadursello, l’arteria è davvero pericolosa specie per chi la percorre quotidianamente.

Esaro, il Covid-19 è purtroppo arrivato anche qui

SAN SOSTI - Il Covid-19 arriva anche qui, nei borghi dell’Esaro finora neanche sfiorati. Nei fatti, c’è una positiva al tampone nella cittadina del Pettoruto più due al cosiddetto test sierologico rapido; un caso da test antigenico invece a San Donato di Ninea. Nella prima situazione, come ha informato il sindaco Vincenzo De Marco, è stata investita la titolare di una Rsa locale, la sua famiglia ed anche l’Amministrazione comunale. «Nella nostra comunità – ha dichiarato il sindaco – l’Asp ha comunicato che la proprietaria della clinica “San Luigi”, è risultata positiva al Covid-19, mentre attendiamo notizie in merito ad una sua collaboratrice poiché non è stato processato ancora il tampone. Le due signore stanno bene e sono in isolamento domiciliare. Fortunatamente, i test fatti ai pazienti ed agli altri dipendenti della Rsa risultano invece tutti negativi». Passando al resto, il sindaco ha aggiunto: «Mia moglie ed il vice sindaco, sono risultati positivi al test rapido». Il vice sindaco, peraltro un medico, è asintomatico mentre la signora ha avuto lievi sintomi febbrili. In conseguenza di ciò, anche il primo cittadino sansostese e sua figlia hanno effettuato il test rapido che però, almeno per lui, è risultato negativo mentre si aspetta quello della giovane. «Non vi nego l'apprensione – conclude De Marco – ma continuerò a lavorare incessantemente da casa per tutta la comunità, cercando di spendermi il più possibile per continuare a fronteggiare questa difficile emergenza». L’esortazione è quella di rispettare delle regole «a tutela della salute, di quella dei vostri cari e della comunità tutta». Nella vicina San Donato di Ninea, il sindaco Jim Di Giorno ha informato che c’è «una persona positiva all'antigenico. La stessa, ha successivamente effettuato il tampone molecolare che sarà processato nei prossimi giorni. Il soggetto è asintomatico, sta attuando l’isolamento domiciliare ed anche i suoi familiari hanno effettuato i tamponi rapidi antigenici che hanno dato per fortuna tutti esito negativo. Si ribadisce la necessità di seguire e rispettare le regole anti-Covid 19».

 

San Sosti, assolto il sindaco Vincenzo De Marco

 

SAN SOSTI - «Non luogo a procedere per il reato ascritto perché il fatto non costituisce reato». Si chiude così, dopo alcuni anni, la spinosa vicenda che aveva visto sul banco degli imputati il sindaco Vincenzo De Marco per il presunto reato previsto dall’art. 323: abuso d’ufficio con vantaggio a favore d’alcuni e danno a sfavore d’altri.

San Sosti, una preghiera per i "Caduti sul lavoro"

SAN SOSTI – Organizzata dalla PRO LOCO "ARTEMISIA", è prevista per oggi pomeriggio – domenica 11 ottobre alle ore 18 in Piazza Orto Sacramento - una preghiera in “MEMORIA DEI CADUTI SUL LAVORO” e successiva deposizione dei fiori al monumento a loro dedicato.

Esaro, differita l’apertura delle scuole a Malvito e San Sosti

MALVITO - Il sindaco di Malvito, Pietro Amatuzzo, ha disposto il differimento dell’apertura scolastica a mercoledì 30 settembre. Le motivazioni sono estrinsecate in un’ordinanza sindacale nella quale viene chiarito che «al termine della consultazione referendaria appena svolta era prevista la consueta attività di disinfezione dei locali, alla quale quest’anno vanno ad aggiungersi ulteriori e specifiche attività di sanificazione imposte dalle normative e circolari in vigore in materia di contenimento del contagio da Covid-19».

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners