Non ce l'ha fatta la donna vittima dello scoppio di una bombola a San Marco

Non ce l'ha fatta la donna vittima dello scoppio di una bombola a San Marco
SAN MARCO ARGENTANO Anche la povera anziana rimasta gravemente ferita dall’esplosione del gas, fuoriuscito probabilmente dal tubo di una bombola del gas della cucina che ha saturato l’intera stanza, domenica scorsa non ce l’ha fatta. Ieri mattina, intorno a mezzogiorno, la sventurata nonnina, al secolo Pierina Mazzei, classe 1928, è deceduta dopo ben cinque giorni di agonia.
Il dolore che ha colpito la famiglia Lombardo in questa settimana è stato davvero tantissimo. Dopo quella tragedia che ha distrutto la vita di due anziani, Giuseppe Lombardo (87anni), il marito della signora in questione, era già deceduto martedì scorso a Bari, dov’era ricoverato con gravissime ferite presso il Centro Grandi ustionati del capoluogo pugliese, stesso identico destino è toccato alla consorte, che si trova presso l’ospedale di Palermo. Proprio qui i medici hanno provato l’impossibile al fine di salvarle la vita, ma evidentemente il trauma subito in quel violento scoppio è stato troppo grande da sopportare per la sua avanzata età. La donna, lo ricordiamo, era rimasta coinvolta nell’incidente mentre si accingeva a preparare il pranzo della domenica nella propria casetta di campagna in località Coppolillo nel comune di San Marco Argentano. Immediatamente dopo l’esplosione, la signora era stata trovata cosciente e vigile e pare fosse arrivata in questo stato anche in ospedale. Le sue condizioni, però, erano peggiorate all’indomani dei fatti e la signora aveva perso conoscenza. Da quel momento pare non ci sia stato più nulla da fare. Assieme agli anziani, lo ricordiamo, si trovava anche la nipotina di 5 anni, rimasta ferita anche lei e attualmente ricoverata presso lo stesso ospedale del capoluogo siciliano, dove le condizioni sembrano essere migliorate, anche se i medici continuano a tenerla sotto costante osservazione considerata la sua tenera età. Quella che doveva essere una domenica di gioia, continua a portare ancora dolore nella comunità normanna che, attonita, apprende la notizia del secondo decesso stringendosi sconfortata attorno alla famiglia. La povera Pierina, deceduta ieri mattina introno all’ora di pranzo, dovrà attendere le canoniche 24 ore prima che l’ospedale conceda il nulla osta ai familiari per il rientro della salma. Le ipotesi più probabili sui funerali, considerata la distanza che separa Palermo dal centro della Valle dell’Esaro, sono quelle che potranno essere celebrati non prima di domani.  
 
© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners