fbpx

Al via il nuovo anno del Centro socio-educativo “Arcobaleno”

Al via il nuovo anno del Centro socio-educativo “Arcobaleno”

SAN MARCO ARGENTANO – (Comunicato stampa) Si è tenuta, presso il Centro socio-educativo “Arcobaleno”, la manifestazione di apertura del nuovo anno. Gli ospiti della struttura, i loro familiari, gli operatori e i volontari dell’associazione “FA.DI.A.” (Famiglie disabili associate), il Sindaco e l’Amministrazione comunale di San Marco Argentano si sono incontrati per parlare della nuova programmazione, che prevede l’apertura pomeridiana di un altro giorno a settimana, resa possibile anche grazie alla sensibilità del vescovo, monsignor Leonardo Bonanno, e l’opportunità, per quanti lo vorranno e potranno farlo, di seguire il corso di karate tenuto dal maestro Luciano Di Chiera, referente dell’associazione “ASD Karate”.

La presidente della “FA.DI.A.”, professoressa Silvana Chiappetta, e i suoi collaboratori, come da tradizione, hanno voluto dare avvio alle attività del nuovo anno con la celebrazione di una santa messa. La cerimonia liturgica è stata officiata da don Paolo Viaggiano, in suffragio dei coniugi Giuseppe e Pierina Lombardo, recentemente scomparsi a causa delle gravi ustioni riportate per l’esplosione di una bombola di gas avvenuta nella loro abitazione di contrada Coppolillo. I figli dei signori Lombardo, con grande nobiltà d’animo, hanno voluto devolvere al centro “Arcobaleno” le offerte raccolte durante i riti delle esequie dei loro cari. Il significativo gesto non è passato inosservato nella cittadina normanna, dove ha suscitato sentimenti di stima e di profonda ammirazione verso questa famiglia, fortemente provata dal dolore e dalla sofferenza che, anziché chiudersi in sé stessa, ha inteso compiere un’opera bella e regalare qualche opportunità in più a chi vive il disagio della disabilità. I fondi raccolti serviranno infatti a finanziare un progetto e ad acquistare materiali utili alle attività del CSE. I familiari dei signori Lombardo, presenti alla messa, hanno testimoniato con la loro commossa partecipazione che anche la sofferenza più grande può essere occasione di amore verso il prossimo. All’incontro ha preso parte con la sua simpatia e con la sua gioia di vivere anche la nipotina degli sfortunati coniugi, ferita nell’incidente avvenuto il 22 novembre scorso e ora in via di guarigione. La piccola è rientrata a scuola il 9 gennaio ed è stata festeggiata, oltre che dai compagni e dalle maestre, anche dal Sindaco e dall’Amministrazione comunale, che hanno voluto accoglierla e riabbracciarla. «Ringrazio a nome dell’Amministrazione comunale e mio personale la famiglia Lombardo -scrive il sindaco Mariotti-, che con tanta dignità ha saputo testimoniare la più vera e viva solidarietà, e trasmettere a tutti uno straordinario messaggio di speranza. Ad essa vanno i più cari sentimenti di riconoscenza e di affetto della città di San Marco per aver compiuto un grande gesto di amore, di amicizia e di fratellanza  in favore delle persone più deboli e sofferenti».

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners