fbpx
Logo
Stampa questa pagina

Bancomat bloccato, utenza a disagio ad Altomonte In evidenza

  • L’ex assessore Vincenzo Iannuzzi aveva già protestato a dicembre
L'ufficio postale di Altomonte L'ufficio postale di Altomonte

ALTOMONTE - L’unico sportello automatico che eroga banconote nel noto centro turistico cosentino funziona a singhiozzo, forse anche per una carenza di linea sui terminali. È quello del locale Ufficio postale, perché da qualche tempo non ci sono più sportelli bancari. A disagio gli altomontesi, ma – specie in questo periodo – i turisti che arrivano per l’ennesima edizione dell’Euromediterraneo ma anche per le bellezze del territorio. A segnalarlo è l’ex assessore Vincenzo Iannuzzi,

che a nome di tanti cittadini afferma: “L’Ufficio postale locale è un servizio o disservizio?” È questa, purtroppo, la domanda che si pongono gli utenti, avendo già la risposta pronta visto il generale malcontento diffuso in paese. “Siamo di nuovo al blocco per parecchi giorni del postamat – afferma l’ex esponente della Giunta Lateano – visto che l’episodio si era già verificato - per circa dieci giorni - nelle festività natalizie, lasciando senza contanti l'intera comunità”. Anche all’epoca a nulla sono valse le lamentele e proteste dell'ex assessore Iannuzzi di fronte “all'ostinato silenzio della dirigenza zonale” che, solo dopo l'intervento della Prefettura, aveva laconicamente affermato che “tutto era nella normalità”. Ma possibile che i cittadini debbano abituarsi ai disservizi? “Purtroppo è così – prosegue Iannuzzi – di fronte ad una dirigenza sorda e distante, interessata solo a raggiungere risultati positivi, senza dare nulla in cambio, che non intende prestare attenzione”. Ma non è tutto perché non ci sarebbe stata “neanche la sostituzione del personale assente da oltre due anni e attualmente collocato in pensione”. In questo periodo “le unità addette agli sportelli, compresa la direttrice, sono limitate a due”, ed è ridotta ad “una sola” quella che sbriga le attività interne. “C’è una popolazione di cinquemila abitanti che riversa il proprio malcontento sull'incolpevole personale addetto, causa di tensioni anche interne. Era stato anche richiesto un numeratore per evitare polemiche e regolare le file, ma nulla”. Fino a quando la popolazione dovrà subire questa situazione? Si attendono risposte “da parte dei vertici di Poste italiane per i prossimi giorni, ma qualcosa forse va addebitato al fatto che i servizi in generale andrebbero riorganizzati”.

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Alessandro Amodio

Template Design © Expressiva Comunicazioni. All rights reserved.