fbpx
Logo
Stampa questa pagina

Malvito, operazione ambientale con sequestro e tre denunce In evidenza

  • Eternit, inerti, pneumatici e rifiuti vari a cielo aperto
Il materila ritrovato sul terreno sequestrato Il materila ritrovato sul terreno sequestrato

MALVITO - Operazione congiunta contro i reati ambientali, quella condotta dai militari dell’Arma della Compagnia di San Marco Argentano coordinata dal capitano Oscar Caruso, nel territorio malvitano. Infatti, in un servizio coordinato tra le stazioni di Malvito e San Sosti, comandate dai marescialli Gennaro Vinci e Alberto Cestino, quest’ultimo con esperienza al Noe (Nucleo operativo ecologico),

gli stessi hanno scoperto – in località Pauciuri – un terreno di circa 800 mq. (che è stato sequestrato) sul quale erano depositati – a cielo aperto – rifiuti speciali e non di diversa natura. In “bella mostra” una decina di lastre di eternit (cemento-amianto), scarti di demolizione-inerti, ferraglia varia e diversi pneumatici usati. I militari intervenuti sono risaliti ai proprietari del terreno, tre persone (parenti tra loro) e li hanno denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Cosenza per i reati ambientali ascritti. Sembra che il materiale fosse lì da più tempo: una parte proveniente dalla dismissione di un garage, il cui tetto sarebbe stato divelto con lo smaltimento dell’eternit non avvenuto per come previsto dall’Unità di prevenzione in materia dell’Asp; un’altra parte (pneumatici e ferraglia) derivante da un’attività lavorativa pregressa dei tre denunciati. Alla base del sequestro e delle denuncie il fatto che il materiale giaceva su un nudo terreno senza alcuna impermeabilizzazione e, quindi, ritenuto potenzialmente inquinante per le falde acquifere. Prosegue così l’attività volta al rispetto dell’ambiente da parte degli uomini della Benemerita, indirizzato nello stesso solco attuato in precedenza dall’ex comandante – ora trasferito a Reggio Calabria – capitano Giuseppe Abrescia.           

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Redazione

Template Design © Expressiva Comunicazioni. All rights reserved.