fbpx

Un arresto e quattro denunce dei carabinieri fra San Marco e Spezzano Albanese

SAN MARCO ARGENTANO - Una persona arrestata e quattro denunciate in stato di libertà, tre fucili, armi bianche ed una dose di marijuana sequestrati, è il bilancio dell’attività di controllo del territorio effettuata nello scorso fine settimana dai Carabinieri della Compagnia di San Marco Argentano, nel cosentino.
In particolare, i Carabinieri della Stazione di San Sosti, con la collaborazione dei colleghi della Stazione di Malvito e del personale della Corpo Forestale dello Stato di Sant’Agata di Esaro, hanno arrestato, in flagranza di reato, G.B., 34 anni originario di Cassano Jonio, già noto alle forze dell’ordine, ritenuto responsabile di furto aggravato. L’uomo è stato individuato e bloccato mentre era intento ad asportare cavi e barre in rame dall’interno della centrale, peraltro già divenuta obiettivo di ladri alcuni giorni prima, dell’acquedotto pubblico gestito dalla società So.ri.cal s.p.a. in località capo d’acqua nel comune di Mottafollone. Convalidato l’arresto, i Giudici del Tribunale di Castrovillari hanno poi disposto la misura degli arresti domiciliari nei suo confronti fino alla celebrazione della prossima udienza.

Incidente sulla Ss283 nel comune di Tarsia. Quattro persone coinvolte

TARSIA - Un brutto incidente si è verificato prima dopo le ore 16 di oggi lungo la Ss283 (detta delle Terme) nel Comune di Tarsia. Due auto, una con a bordo due cittadini stranieri e l'altra con due persone di Cerzeto, sono entrate in collisione toccandosi sulla fiancata e poi finendo una contro il guardrail. Incerte, ancora, le cause dell'accaduto.

Arrestato 48enne di Roggiano per violazioni reiterate alla detenzione domiciliare

ROGGIANO GRAVINA – (Comunicato stampa) I Carabinieri della Stazione di Roggiano Gravina, in esecuzione al provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica di Cosenza, hanno tratto in arresto P.M., 48enne del posto, già noto alle forze dell’ordine.
Il provvedimento è scaturito dall’informativa inviata dai militari dell’Arma all’Autorità Giudiziaria, a seguito delle reiterate violazioni alla misura alternativa della detenzione domiciliare, alla quale l’uomo era sottoposto dovendo espiare una pena di 3 mesi di reclusione per una condanna per atti osceni commessi nella stessa cittadina nell’anno 2012.

Lesioni a una donna e suicidio. Pomeriggio di sangue a Saracena

SARACENA – Un tragico evento si è registrato a Saracena nel primo pomeriggio di oggi. Una violenta aggressione ai danni di una donna (vedova classe 1948) e il conseguente suicidio da parte del convivente Leone Mario Vuoto (81enne divorziato) sono la sintesi di quanto accaduto in quello che doveva essere un tranquillo pomeriggio nel borgo ai piedi del Pollino. Sono circa 14 quando nella casa del centro storico in cui vive la coppia accade l'imprevedibile. I due discutono per la imminente partenza della donna verso Torino per partecipare ai funerali del padre scomparso ieri. L'uomo, dal canto suo, non sembra essere d'accordo tanto che in un momento d'ira pare abbia colpito la donna con un coltello da cucina procurandole una ferita alla testa.

Coraggiosa ottantenne mette in fuga il ladro che le svaligia la casa

SPEZZANO ALBANESE - In un momento storico particolare per la popolazione di Spezzano Albanese, dove persiste un po’ di “tensione” tra i cittadini dovuta ad una sorta di allarme microcriminalità che si è fatto strada negli ultimi mesi a seguito di alcuni furti avvenuti a danno di persone anziane, c’è da dire che, curiosamente, non sono tempi nemmeno felici per chi sta dall’altra parte della barricata, visto quanto è accaduto nella nottata tra venerdì e sabato, allorchè una arzilla 80enne del posto ha messo in fuga un ladro entratole in casa di soppiatto.

Recuperata dai carabinieri la refurtiva degli appartamenti di Villapiana

VILLAPIANA - Nei giorni scorsi avevamo scritto di una serie di furti in appartamenti ed in magazzini di Villapiana, recrudescenza di un fenomeno che pareva sopito, con importante refurtiva sottratta da ignoti ladri ai legittimi proprietari. L’attività di indagine condotta dai carabinieri della Stazione di Villapiana Scalo, al comando del maresciallo Luigi Potenza, coordinati dal capitano Francesco Barone, comandante della Compagnia di Corigliano Calabro, ha consentito, in brevissimo tempo, ovvero nelle 24 ore successive ai furti, di individuare il deposito della refurtiva che, recuperata, è stata restituita ai legittimi proprietari, alcuni disperati per la sottrazione di un bene ritenuto di primaria necessità. I carabinieri, dopo frenetica attività di indagine, hanno rinvenuto, in un capannone in disuso ubicato in Villapiana Lido, una gran quantità di oggetti risultati rubati nei giorni scorsi ma anche in tempi precedenti.

Ruba gasolio con un complice. Arrestato 70enne pregiudicato

CASSANO - Nella nottata del 17 maggio 2016, in Cassano all’Ionio (CS), i militari della locale Tenenza traevano in arresto, per il reato di furto aggravato in concorso, un 70enne pregiudicato dell’hinterland napoletano che, unitamente ad un complice 47enne che riusciva a dileguarsi, e successivamente veniva identificato e denunciato in stato di irreperibilità, si introduceva all’interno degli stabili di un ponte ripetitore  sito in quel centro, asportando dal serbatoio del generatore circa 1500 (millecinquecento) litri di gasolio. La refurtiva è stata restituita all’avente diritto.

Arrestato 26enne che aggredì vigile urbano a Cantinella

CORIGLIANO - Nella mattinata di oggi i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Corigliano Calabro eseguivano un'ordinanza di custodia cautelare, emessa in data 12 maggio dal G.I.P. del Tribunale di Castrovillari, nei confronti di un 26enne censurato del luogo, per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, e lesione personale, commessi in data 12 aprile scorso ai danni di un poliziotto municipale del luogo. L’arrestato è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso propria abitazione.

Alcoltest tre volte superiore al livello consentito. Denunciato lo spezzanese che non ha rispettato lo stop

SPEZZANO ALBANESE – È risultato essere positivo al test alcolemico l'uomo che nella notte fra sabato e domenica scorsa ha violentemente impattato contro un'auto che procedeva su Via Nazionale a Spezzano Albanese. Sarebbe di ben tre volte superiore al limite consentito dalla legge il livello di alcol nel sangue rinvenuto dalle analisi richieste dai Carabinieri del Norm della Compagnia di San Marco Argentano, guidata dal Capitano Giuseppe Sacco. Sarà così denunciato per guida in stato di ebrezza, con conseguente sequestro del veicolo e il ritiro della patente, il giovane spezzanese che, secondo le ricostruzioni degli inquirenti, non si sarebbe fermato allo stop all'altezza del bivio del distributore Agip nella cittadina arbëreshe.

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners