fbpx
Logo
Stampa questa pagina

Sinistra Italiana contro l'eventuale commissariamento del comune di Altomonte In evidenza

Sinistra Italiana contro l'eventuale commissariamento del comune di Altomonte

ALTOMONTE - «Dopo mesi di agonia, di ricatti e divisioni, di giochetti di piccolo cabotaggio e difesa di interessi di cordata, di minacce e compromessi a ribasso, siamo arrivati al dunque: l’Amministrazione comunale potrebbe soccombere il 13 o 14 Aprile nel Consiglio Comunale che dovrebbe approvare il Bilancio. Ma l’eventuale e molto probabile caduta non produrrebbe in tempi brevi il ritorno alle elezioni, ma un Commissariamento lungo più di un anno». Così la Segreteria del Circolo “Michele Presta” della Sinistra Italiana di Altomonte sulle recenti dinamiche politiche che potrebbero portare al commissariamento.

E proprio su questa ipotesi affermano: «Eravamo pienamente d’accordo con la mozione di sfiducia nei confronti di un’Amministrazione sulla quale il nostro giudizio articolato è stato ed è pienamente negativo, fallimentare dal punto di vista del progetto iniziale nel quale Sinistra Italiana aveva creduto e speso idee ed energie. Ma ritenevamo che la caduta di questa compagine di governo del nostro paese dovesse produrre il ritorno immediato alle elezioni per dare subito ad Altomonte un’Amministrazione pienamente legittimata dal voto popolare.
Oggi è chiaro a tutti che non sarà così. Le elezioni per il Sindaco e il rinnovo del Consiglio comunale ci sarebbero a maggio o giugno 2019 e per questo periodo di oltre un anno il nostro Comune sarà affidato ad un Commissario prefettizio, che avrà pieni poteri e grande discrezionalità amministrativa. E pur trovandosi il Comune di Altomonte in una situazione finanziaria solida e stabile, non vi è dubbio che potrebbero esserci delle ricadute che peserebbero sulla popolazione come l’aumento di alcune tasse per servizi non in equilibrio, il ritardo nella risoluzione di alcuni problemi e nella finalizzazione di alcuni finanziamenti, la qualità delle iniziative che salvaguardano l’immagine del nostro paese e producono comunque delle economie.
Per questi motivi, per senso di responsabilità nei confronti della comunità e per un’idea della politica che è fondamentalmente primato dell’interesse pubblico, crediamo che bisogna evitare il Commissariamento, pensare al bene di Altomonte nel rispetto delle posizioni e delle legittime aspirazioni di tutti a rappresentare l’alternativa a questa compagine amministrativa.
Noi siamo e resteremo all’opposizione “senza se e senza ma” e senza interessi a poltrone o prebende di alcun tipo. Ma siamo una forza equilibrata e responsabile che non si fa dettare l’agenda e la linea politica da rancori o facili vendette (nonostante alcuni nostri avversari hanno tentato nel passato di dipingerci come rancorosi e animati da spirito di rivalsa).
Oggi atri dovrebbero spiegare perché non si è fatto in modo che questa Amministrazione cadesse nei tempi utili per andare subito al voto, perché hanno utilizzato i voti determinanti per soddisfare interessi di gruppo e non quelli della comunità?
Così come altri dovrebbero spiegare se l’interesse principale adesso è quello di avere un Commissario per 14 mesi pur di evitare che l’attuale compagine gestisca la cosa pubblica fino alle elezioni?
Sinistra Italiana ritiene che bisogna evitare ulteriori problemi alla comunità altomontese, ad un paese in declino oramai da alcuni anni, che sta pagando un prezzo altissimo per la crisi e per la mancanza di politiche di rilancio.
Per questo Sinistra Italiana si appella a tutte le forze presenti in Consiglio comunale, che pur certificando l’assenza di una maggioranza politica di questa Amministrazione e la delegittimazione di fatto, garantiscano l’approvazione del bilancio ed evitino un periodo di commissariamento per il Comune di Altomonte.
Sinistra Italiana è impegnata a rilanciare un confronto ampio con le forze politiche, con le Associazioni e i Movimenti, con i singoli cittadini per costruire un’alternativa e un cambiamento radicale nel modo e nella sostanza, che significhi unità nell’intento di rilanciare Altomonte e riportarla ad essere un punto di riferimento della Calabria diversa, operosa, attiva e propositiva. Insomma unire le forze per cambiare e dare risposte concrete soprattutto ai giovani e a coloro che continuano ad investire sul futuro del nostro paese».

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Redazione

Template Design © Expressiva Comunicazioni. All rights reserved.