fbpx

Il giovane chef di Saracena convocato per il prossimo Expo

Il giovane chef di Saracena convocato per il prossimo Expo
SARACENA - Lo Chef Di Pace sarà a Dubai per l’Expo 2020. Si sono appena chiusi i saloni dell’Esposizione universale tenutasi a Milano e già si raccolgono risultati positivi per il futuro.
Lo Chef originario di Saracena, Gennaro Di Pace (in foto) è tra i convocati da Oscar Farinetti, patron di “Eataly” per portare avanti il percorso intrapreso a Milano. In occasione dei festeggiamenti per la chiusura di Expo Milano 2015, domenica 22 novembre, tenutasi a Roma, Farinetti ha suggerito al giovane chef saracenaro di essere tra i protagonisti dell’Esposizione Universale del 2020. Con lui un pezzo del terroir del Pollino e della Calabria, quindi, saranno, ancora una volta, protagonisti d’eccellenza. Durante i festeggiamenti sono state consegnate, inoltre, delle targhe ricordo ai ristoranti che hanno fatto conoscere le eccellenze agroalimentari italiane al mondo, da maggio a ottobre scorso. Di Pace è stato invitato, inoltre, come “valore aggiunto” in uno dei ristoranti che saranno aperti nella Fattoria Italiana Contadina, FICO, di Eataly World. L’Expo Milano proseguirà a Bologna, Di Pace, infatti alternandosi con altri chef calabresi, gestirà un ristorante di 1300 posti nella sezione dedicata al Sud Italia che sorgerà a breve nella Fattoria Italiana Contadina (FICO) Eataly World di Bologna. Grazie al giovane chef di Saracena, i 6 milioni di amanti del buon cibo che ogni anno visitano FICO Eataly world potranno degustare, tra le principali ricette della cucina italiana, piatti a base di prodotti tipici del Paese del Moscato Passito e del Pollino. Anche il locale di Di Pace, la famosa ”Osteria Porta del Vaglio” è stata riconosciuta come miglior ristorante calabrese dell’anno, un vero e proprio covo del gusto nel cuore del borgo storico del Pollino. Per rimanere in tema di gusto ed enogastronomia made in Saracena, la Guida “Bibenda” edizione 2016 riconferma il successo per il Moscato Passito al Governo di Saracena, 5 grappoli, alle cantine Viola. Sono, questi, gli ultimi prestigiosi riconoscimenti tributati dalla più prestigiosa e completa guida di vini, nei giorni scorsi a Roma, durante la Grande Festa del Vino e della Grande Produzione Italiana nelle sale dell’Hotel Rome Cavalieri. Ad essere premiate sono ancora una volta due eccellenze del mondo del food e del wine che rappresentano l’immagine, la storia, l’identità ed al tempo stesso l’innovazione ed il ritorno alla terra delle nuove generazioni, di Saracena, del Pollino e della Calabria intera.
© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners