Gestione rifiuti a Castrovillari, c’è una nuova ditta

Domenico Lo Polito Domenico Lo Polito
CASTROVILLARI - Una sola ditta, rispetto alle sette invitate a partecipare, ha presentato domanda per concorrere al bando per la gestione temporanea dei rifiuti a Castrovillari.
Si tratta della Calabria Maceri che, in barba alle esigue risorse e alle difficoltà che una cittadina importante come Castrovillari possa presentare, ha deciso di raccogliere la sfida per un servizio che avrà durata sei mesi. Così, dopo il servizio infelice offerto dalla Femotet, testimonianza ne sono le contestazioni dei cittadini, mai del tutto soddisfatti della pulizia del paese, e le rimostranze dei lavoratori, pagati con ritardo e messi in condizioni non in linea con gli accordi presi anche in Prefettura in tema di sicurezza, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Lo Polito ha provveduto con un capitolato speciale, a procedura negoziata, con una gara da un milione e centomila euro. La busta, l’unica arrivata, è stata aperta ieri mattina alle 12.30 presso la sala Giunte del palazzo municipale, alla presenza dell’assessore all’Ambiente Pasquale Pace e del primo cittadino stesso. Ed è proprio quest’ultimo che, nel corso dei lavori, ha confermato come la gara sarà aggiudicata “anche se al momento la formalizzazione della cosa non era ancora stata fatta in quanto era in corso la predisposizione degli atti”. Ad ogni modo, lo stesso sindaco si è detto soddisfatto e speranzoso di poter ottenere un servizio degno della città. «Dura sei mesi il servizio di gestione rifiuti -ha confermato Lo Polito-, nell’attesa della predisposizione del bando più lungo, quello che definitivamente dovrebbe assegnare ad una ditta la gestione per i prossimi cinque anni. In questi 6 mesi -ha aggiunto- cercheremo di capire se possiamo fare qualcosa insieme a tutto il territorio, con le nostre municipalizzate. È chiaro -ha precisato- che tutte le possibilità per il momento sono aperte». E se per il futuro è tutto da rifare, confidando però in una sinergia con i vari comuni del comprensorio, oggi quel che conta è offrire al paese un servizio completo, che prevede la raccolta, lo spazzamento, il conferimento, tutto sempre con il sistema della raccolta differenziata del porta a porta spinto. In merito all’esperienza con la Femotet e alla recente protesta dei lavoratori per i pagamenti non ricevuti, il primo cittadino aggiunge: «Ci è stato chiesto l’intervento sostitutivo, che è una procedura prevista dal contratto d’appalto, e immediatamente abbiamo fatto i mandati, anche se materialmente ancora i soldi non sono arrivati ai lavoratori perché la nostra banca non ha provveduto al pagamento, ma -assicura- è questione di giorni. L’ufficio di ragioneria del comune ha lavorato fino alle 11 di sera del 21 dicembre scorso per un lavoro che non era suo, perché i mandati per ogni singolo dipendente, che non sono pochi, non sono atti che normalmente fa il comune. Tutto è stato mandato in banca e ora si attende a giorni il pagamento». Sui prossimi pagamenti bisognerà attendere la metà di gennaio e se l’impresa non dovesse pagare Lo Polito dice di essere pronto a sostituirsi ancora una volta. Circa i lavoratori della Femotet, secondo il Contratto Collettivo di Igiene è previsto che «chi subentra deve assumere i dipendenti che negli ultimi 240 giorni sono stati assorbiti dall’impresa. Questa valuterà quali sono le esigenze aziendali. Per i lavoratori -conclude- ci sarebbe il posto garantito ma mi auguro che gli stessi se lo sappiano meritare».
© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners