fbpx

Saracena Lsu/Lpu - Il sindaco Gagliardi: "Nessun licenziamento" In evidenza

Saracena Lsu/Lpu - Il sindaco Gagliardi: "Nessun licenziamento"
SARACENA – (Comunicato stampa del sindaco Gagliardi) Comprendiamo bene, per carità, che sulla vicenda degli LSU e degli LPU, emblema del fallimento di tutte le politiche di sviluppo di questa regione, la CGIL e, con essa, la maggior parte dei comuni calabresi, preferiscano difendere una posizione di fatto ideologica. Una scelta aprioristica a favore di un ammortizzatore sociale di cui dovrebbe essere semmai il Governo a farsi carico direttamente.
Una posizione, che tanti colleghi oggi sventolano come uno straordinario risultato di Capodanno ma che in realtà non tiene in nessuna considerazione né la necessità di maggiore merito nella pubblica amministrazione, né le esigenze effettive dei singoli enti locali; né tantomeno l’efficienza complessiva della macchina amministrativa nazionale e periferica, destinata anzi ad essere menomata, ipotecata e bloccata da queste forme di mero assistenzialismo.
Pur non trovandoci, com’è facile intuire, in nutrita compagnia, e come del resto già accade per il ciclo integrato dei rifiuti e per l’acqua pubblica (sui quali resistiamo virtuosamente alle efficienze ed alle prepotenze del sistema regionale e nazionale), in assenza di qualsiasi specifico provvedimento legislativo nazionale o di qualsivoglia indicazione operativa regionale, come Amministrazione Comunale non abbiamo fatto altro che prendere atto della naturale conclusione, al 31 dicembre scorso, del rapporto di lavoro a tempo indeterminato (12 mesi) instaurato un anno fa con i 33 lavoratori LSU e LPU del nostro Comune. I quali, diversamente da quanto sostenuto stamani da taluni, non escono dal bacino di appartenenza, per effetto del nostro provvedimento, adottato nel pieno rispetto delle leggi. AL CONTRARIO DEI TITOLONI RIPORTATI SULLA STAMPA IN QUESTI GIORNI, NON ABBIAMO QUINDI LICENZIATO NESSUNO.
Lo ribadiamo: a differenza di quanto accaduto per il rinnovo del 2015, questa volta non vi è stato alcun provvedimento del Governo nazionale né alcun atto formale da parte della Giunta Regionale in ordine all’utilizzo della somma prevista nel bilancio della Regione Calabria. Il cosiddetto decreto Milleproroghe, citato sempre stamani sui media, non contiene alcuno specifico riferimento agli LSU-LPU calabresi. Ed è solo una indiscrezione la citata convocazione del prossimo Consiglio dei Ministri sul cosiddetto Decreto Giubileo per discutere anche della questione LSU-LPU calabresi! – QUESTI SONO I FATTI.
Non c’è altro, di giuridicamente certo e vincolante che, allo stato, possa garantire i singoli enti locali rispetto all’avvio di una qualsivoglia procedura di rinnovo contrattuale, per il 2016, per questi lavoratori. – Appena sarà chiarito il quadro normativo, senza il rinvio ad inutili circolari con premesse, indirizzi operativi e mere elencazioni di leggi e decreti, così come è stato fatto all’antivigilia di Capodanno dalla Regione Calabria, consultando e coinvolgendo i sindacati nelle forme e nei modi prescritti, l’Amministrazione Comunale di SARACENA, adotterà tutti gli opportuni provvedimenti in favore di questi lavoratori, utilizzati nei vari settori, provvedendo, seppur parzialmente, ad instaurare un percorso definitivo di stabilizzazione sulla base dei posti disponibili nell’organico comunale. – Per il momento, abbiamo semplicemente ritenuto di non dover accodarci a quelle che, nella sostanza, altro non sono che autentiche prese in giro, tanto del Governo nazionale quanto della Giunta Regionale. E lo abbiamo fatto nella difesa del principio costituzionale del buon andamento della pubblica amministrazione ed a tutela dell’efficienza e della sostenibilità economica del nostro comune.
© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners