fbpx

L'addio di Lattarico al suo ex sindaco Fusco In evidenza

L'addio di Lattarico al suo ex sindaco Fusco

LATTARICO - L’addio commosso dei lattarichesi al loro indimenticabile ex sindaco. Si sono svolti domenica pomeriggio, infatti, nella gremita Chiesa dell’Immacolata, a Lattarico, i funerali del professor Vincenzo Fusco, 86 anni, stroncato sabato mattina, nella sua casa, da un improvviso arresto cardiocircolatorio. Tutta la comunità, con a capo il sindaco Antonella Blandi, si è stretta attorno ai familiari di chi è stato l’amico di tutti.  

Nato il 21 maggio 1929, è stato sindaco della cittadina della Media Valle del Crati dal 1970 al 1980, anni in cui forti erano le contrapposizioni politiche tra la DC e il PCI e a volte caratterizzate da campagne elettorali anche molto dure. Una persona gentile, dolce, ma soprattutto umile, molto amata dalla sua gente. Vincenzo Fusco è stato corrispondente della Gazzetta del Sud e per tanti anni direttore del locale ufficio postale, mostrandosi sempre disponibile e svolgendo un ruolo sociale anche solo col suo lavoro. Ancora oggi, nonostante l’età avanzata, stava in mezzo alla gente, spesso in piazza e nei bar, di cui era divenuto punto di riferimento.  Il parroco don Francesco Bilotto, nell’omelia, ne ha evidenziato i valori cristiani che hanno improntato la sua esistenza e ispirato il suo impegno politico e sociale.  Al primo cittadino, con la fascia tricolore e accanto il gonfalone del Comune, il compito di rivolgere, a nome del consiglio comunale e dell’intero paese l’ultimo saluto all’indimenticabile professor Fusco. Il sindaco Blandi ha ricordato le diverse opere realizzate dalla sua amministrazione: tante strade interpoderali nelle periferie, l’illuminazione rurale, le scuole, creando le basi per far crescere e progredire Lattarico. Tra queste anche il monumento ai  caduti, realizzato nel 1975, opera che ancora oggi ha un grande valore culturale per quello che rappresenta dal punto di vista della storia locale. “Sei stato un sindaco amato perché sempre sorridente e amico di tutti, - ha evidenziato commossa l’attuale sindaca - una persona che stava tra la gente, sempre pronto all’ascolto e a risolvere i problemi dei cittadini nei limiti delle possibilità.  Anche a noi che oggi amministriamo lasci un grande messaggio e importante messaggio di pace e di disponibilità nei confronti di tutti”. Dinanzi al feretro, quindi, il grazie del sindaco Blandi “per quello che hai fatto per tutti noi, per la tua positività e il tuo ottimismo. Ci resteranno i tuoi insegnamenti che cercheremo di dare ai più giovani che ti hanno conosciuto di meno”. Toccante anche il ricordo dell’amico Antonio Zupo.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners