fbpx

Ferrone (Filcams): "Non c'è pace per i lavoratori ex LSU delle pulizie delle scuole"

Ferrone (Filcams): "Non c'è pace per i lavoratori ex LSU delle pulizie delle scuole"

CASTROVILLARI – (Comunicato stampa del segretario Filcams Cgil Andrea Ferrone) I lavoratori, 1300 in tutta la Calabria, di cui circa 400 nel nostro comprensorio, Sibari Pollino Tirreno, che come si ricorderà furono stabilizzati, con decreto n. 65 del 20 aprile 2001, con decorrenza 1 luglio 2001, e assunti a tempo indeterminato, a 35 ore settimanali, con aziende che operano in regime di convenzione con il MIUR nell'appalto delle pulizie degli edifici scolastici, questi lavoratori, dall'anno 2007, sono sottoposti ad una minaccia, ormai annuale, di licenziamento, dovuto alle politiche restrittive di bilancio del MIUR, e puntualmente dopo l'accordo raggiunto in sede ministeriale, del 28 marzo 2014, che ha garantito, e solo dopo 5 manifestazioni sindacali, nazionali e territoriali, con la mobilitazione dei lavoratori del settore, con la sottoscrizione del verbale di accordo interministeriale (Lavoro e Pubblica Istruzione), la continuità occupazionale e reddituale dei lavoratori, nell'ambito del progetto definito "Scuole Belle" , la cui conclusione è prevista il 31 marzo prossimo.

Poichè, il Governo, nella legge di stabilità, non ha previsto le risorse finanziarie necessarie per garantire la stabilizzazione dei lavoratori, le aziende vincitrici dell'appalto del lotto 12, comprendente le regioni Basilicata e Calabria, su 1600 lavoratori dipendenti, hanno dichiarato un esubero di 927 unità, attivando, l'8 gennaio scorso, la procedura di licenziamento collettivo per riduzione di personale, in attuazione degli artt. 4 e 24 della legge 223/91.
Per tali motivi, visto che l'incontro richiesto dai Segretari Generali, CGIL CISL e UIL, e di categoria, FILCAMS, FISASCAT CISL E UILTRASPORTI, nazionali, alla presidenza del consiglio dei Ministri, non ha avuto alcun riscontro, le stesse OO.SS., hanno proclamato lo stato di agitazione e indicando per il giorno 11 febbraio p.v., lo sciopero nazionale degli addetti, con manifestazione a Roma.
La FILCAMS CGIL Comprensoriale, ha programmato, per i prossimi giorni, assemblee su tutti i posti di lavoro, per prepararci ancora una volta alla lotta per difendere il diritto al lavoro e al salario dignitosamente conquistato in vent'anni di lotta.
La CGIL mai e poi mai consentirà un arretramento economico e sociali dei lavoratori interessati, sensibilizzando con forza tutte le istituzioni, a partire da quella regionale, nonchè la deputazione tutta che siede sui banchi del Parlamento italiano, ad adoperarsi concretamente, una volta per tutte, chiudere la vertenza con la stabilizzazione definitiva degli stessi.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners