fbpx
Logo
Stampa questa pagina

CALCIO PROMOZIONE - Il Corigliano si prepara per l'amichevole con l'Amendolara

Alberto Accardo Alberto Accardo

CORIGLIANO - Il Corigliano è tornato ad allenarsi sotto gli ordini del tecnico Andreoli in vista della prossima trasferta di domenica 8 ottobre in casa della Garibaldina. Il team biancoazzurro, che in questa fase sta lavorando al Maria ad Nives di Schiavonea, s’è ritrovato quasi al completo per preparare al meglio il quinto turno di campionato, eccezion fatta per il febbricitante Martinez e il convalescente Zangaro, che ha lavorato a parte con i massaggiatori. Mister Andreoli e il preparatore Scavello hanno alternato la parte atletica ad esercizi con il pallone, puntando sulla reattività e la tecnica. Domani, invece, la squadra sosterrà un allenamento mattutino, mentre per giovedì è prevista un’amichevole ad Amendolara.

«Era importante partire bene – ha sottolineato Alberto Accardo, tornando a questo scorcio iniziale della stagione biancoazzurra -. Abbiamo avuto un ottimo piglio e, nonostante qualche calo fisiologico, con la giusta tranquillità abbiamo conquistato vittoria e tre punti anche nell’ultimo impegno. Vincere aiuta a vincere, portare a casa l’intera posta in palio è sempre importante. Ogni partita ha però una storia a sé – precisa il difensore classe ’94 del Corigliano – per cui non bisogna mai lasciare nulla al caso. Stiamo cercando di trovare una quadratura ideale e sappiamo che dovremo sempre scendere in campo con la giusta mentalità e la consapevolezza di un gruppo forte. Bisogna avere massimo rispetto di ogni avversario e, in tal senso, anche a Soveria Mannelli dovremo essere bravi nel dimostrare tutto il nostro valore. La rosa è importante e, come dice sempre il mister – aggiunge Accardo - i nomi ci sono ma bisogna dimostrarlo ogni domenica in campo, che è il giudice ultimo». Poi Accardo apre lo sguardo al livello del torneo di Promozione: «Mi sembra che quest’anno sia piuttosto alto, con ottime individualità, per cui ogni gara può nascondere delle insidie. Bisogna essere uniti perché alla fine è il gruppo che vince e insieme si può raggiungere l’obbiettivo finale. E’ fondamentale lavorare bene in settimana, perché la domenica è lo specchio delle fatiche giornaliere che affrontiamo durante le sedute d’allenamento. In questo senso, è sempre un piacere avere i tifosi al nostro fianco e – chiude Accardo - speriamo possano essere sempre più numerosi nonostante il momentaneo disagio di giocare tutte le gare in trasferta, a causa dell’impossibilità di usufruire del nostro stadio».

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Articoli correlati (da tag)

Ultimi da Redazione

Template Design © Expressiva Comunicazioni. All rights reserved.