Il giacinto azzurro di Persefone

Teresina CilibertiIl titolo di questa rubrica evoca il mito di Persefone/Core che, attirata dal profumo intenso del giacinto (la bellezza della poesia e dell’arte?), precipita nell’Ade della conoscenza.
L’immagine del giacinto azzurro vuole perciò programmaticamente indicare il senso dello spazio letterario di questa rubrica aperta a quanti credono nella sacralità della parola poetica: “Se il lettore non cade nel precipizio di Persefone, ma si limita a guardare il giacinto di lontano, vuol dire che lo scrittore non ha scritto abbastanza bene o che i regni sotterranei non gradiscono quell’ospite”.
La rubrica ospiterà, pertanto, saggi, note e appunti su autori italiani con l’obiettivo di suscitare la curiositas intellettuale dei lettori a cui auguriamo di lasciarsi catturare dal profumo della poesia.

Piccola nota sull’esilio calabrese di Francesco De Sanctis

0
0
0
s2smodern
Seguici
powered by social2s
C’è un periodo nella complessa “pagina” (1) della vita di Francesco De Sanctis un po’ “nebuloso”, mal noto e, sino a poco tempo fa, (2) non adeguatamente indagato: quello che va dal 5 novembre 1849 al 15 dicembre1850. Una ferita…
0
0
0
s2smodern

Pirandello e De Luca, un ricordo scolastico

0
0
0
s2smodern
Una lettura incrociata della novella pirandelliana, “L’eresia catara”, e di un racconto di Erri De Luca, “Il Pannello”, potrebbe costituire, forse, una lettura piacevole e fornire anche l’occasione per una utilizzazione didattica: un’analisi narratologica e/o un esercizio di scrittura narrativa.I…
0
0
0
s2smodern
Sottoscrivi questo feed RSS

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners