Movida a Schiavonea, ispezioni dei Carabinieri nei locali notturni

CORIGLIANO CALABRO (CS) – (comunicato stampa) I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno continuato anche nel fine settimana appena trascorso a prestare la massima attenzione affinché la movida sul litorale coriglianese si svolgesse nel rispetto delle norme di legge, oltre a proseguire  nella repressione allo spaccio di sostanze stupefacenti.
In particolar modo nella notte fra venerdì e sabato sono stati ispezionati diversi locali notturni insistenti nella centrale piazza Portofino della località di Schiavonea, anche con l’ausilio specializzato dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Cosenza.

Arrestato 18enne per detenzione di stupefacenti

CORIGLIANO CALABRO – I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno arrestato, con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente del tipo marijuana, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, un 18enne del posto.
I fatti raccontano che durante questa notte una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Corigliano Calabro Scalo mentre effettuava un servizio perlustrativo del territorio, transitando sul lungomare Cristoforo Colombo della frazione di Schiavonea all’altezza della Piazzetta Portofino, notasse la presenza di due soggetti riconosciuti come dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti in zona.

Sequestrati agrumeti occupati abusivamente

CORIGLIANO - I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Corigliano hanno, nella giornata di ieri, dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di alcuni terreni emesso dal G.I.P. del Tribunale di Castrovillari. L’attività eseguita prosegue quella già realizzata nel mese scorso e caratterizzata dal sequestro di 50 ettari di agrumeti nei confronti di 18 proprietari. Quella di ieri ha visto invece il sequestro di altri ettari di agrumeti a carico di 5 persone, ricadenti nel comune di Corigliano – Rossano.

Tante persone per il funerale di Francesca Gattuso

SCHIAVONEA – La chiesa piena entro quelle che sono le disposizioni per la sicurezza anticovid e tanta molta gente rimasta fuori, sotto la pioggia, per portare l'ultimo saluto a Francesca Gattuso, prematuramente scomparsa presso l'ospedale di Busto Arsizio qualche giorno fa. A presiedere le celebrazioni funebri è padre Lorenzo Fortugno che, nel ricordare la figura allegra di Francesca, non esita un istante ad intonare, a conclusione dell'omelia, alcuni versi di “Canzone per un'amica” di Francesco Guccini: «Vorrei però ricordarti com'eri, pensare che ancora vivi. Vorrei pensare che ancora mi ascolti e come allora sorridi, e come allora sorridi». Perché il sorriso di Francesca rimanga sempre impresso nel cuore e nella mente di ciascuno di noi.

Corigliano si stringe attorno alla famiglia Gattuso, alle 16.30 i funerali

SCHIAVONEA - C'è uno striscione lungo quanto un grande atto di rispetto davanti la villa Gattuso, fatto recapitare dai tifosi del Milan con su scritto "La curva sud si stringe al dolore della famiglia Gattuso: RIP Francesca", a fare da cornice ad un momento difficilissio e di dolore per il tecnico della squadra partenopea e dei suoi familiari.

Aveva tentato di uccidere una persona in pronto soccorso, arrestato dai Carabinieri

CORIGLIANO CALABRO – I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Castrovillari - Ufficio G.I.P., nei confronti di C.A., 37enne di Cariati per il reato di tentato omicidio.
I fatti risalgono ad inizio maggio quando l’uomo aveva aggredito presso il pronto soccorso dell’ospedale di Corigliano un cittadino bulgaro, che si trovava in sala d’attesa per essere visitato a seguito di alcune escoriazioni riportate in una caduta.

Fermati e denunciati due coriglianesi che violano le norme anti covid-19 per rubare galline

CORIGLIANO CALABRO – Ancora non era accaduto di dover sanzionare qualcuno per aver violato le restrizioni alla circolazione imposte dalla normativa vigente in quanto aveva rubato delle galline, ma l’assurda situazione è accaduta ieri notte, quando i Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, dopo aver avuto una segnalazione di furto di alcune galline da un’azienda agricola, hanno fermato ed identificato i responsabili.

Sequestro di circa un milione di euro ad un soggetto affiliato ad una cosca della sibaritide

CORIGLIANO - I Finanzieri del Comando Provinciale Guardia di Finanza di Cosenza, nell’ambito di indagini delegate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, hanno dato esecuzione ad un Decreto di sequestro preventivo, per un importo complessivo di quasi 1 milione di euro, emesso dal GIP del locale Tribunale, a carico di un appartenente ad una cosca di ‘ndrangheta operante nel comune di Corigliano Calabro (CS).

Tre presunti scafisti arrestati e 55 migranti messi in salvo a Corigliano

CORIGLIANO CALABRO – Importante operazione del Corpo della Guardia di Finanza, che alle 2 della notte appena trascorsa ha permesso di arrestare nel porto di Corigliano Calabro 3 presunti scafisti e mettere in salvo 55 migranti (45 adulti maschi, 6 donne di cui una incinta e 6 minori di cui 2 non accompagnati tutti di origine mediorientale, di provenienza irachena e iraniana). L'operazione a margine di una attività di controllo in mare aperto avviato già nella serata del 16 dicembre, quando un velivolo della Guardia di Finanza del COAN, in missione di controllo avanzato sul mare Jonio, aveva allertato il dispositivo di sorveglianza, dopo aver individuato una imbarcazione a vela a 90 miglia marine (167 km) dal mare territoriale italiano, in navigazione con rotta verso le coste nazionali che, a un esame sommario, poteva sembrare regolare ma, in base all’esperienza dei finanzieri, appariva, invece, sospetta.

Arrestato a Corigliano un romeno per rapina a connazionale

CORIGLIANO CALABRO – Arrestato nella serata di sabato scorso a Corigliano Calabro dai Carabinieri della locale compagnia un soggetto romeno per una rapina commessa nei mesi scorsi. L’operazione si è tenuta a seguito di un’ordinanza applicativa della misura cautelare in carcere disposta dal Tribunale di Castrovillari – Ufficio del G.I.P. su richiesta della locale Procura, coordinata dal dott. Eugenio Facciolla.
In particolare i fatti risalgono ad inizio settembre quando un romeno si era rivolto alla Stazione Carabinieri di Corigliano Calabro Scalo per denunciare una rapina subita ad opera di un suo connazionale.

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners