fbpx

Un voto al referendum quale atto di speranza

L'approvazione quasi certa del referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari (da 945 a 600) di serio non cambierà niente, considerato che la riforma voluta da Casaleggio e Beppe Grillo non risolve alcun problema strutturale dello Stato, né tanto meno la riduzione dei parlamentari comporterà un risparmio significativo, incidendo per lo 0,007% sulla spesa pubblica pari al costo di un caffè all'anno per ogni cittadino italiano.
Per cui votando per il Sì, viene legittimato il qualunquismo grillino, assolutamente bisognoso in questo momento di esibire “un trofeo” che possa rallentare il proprio trend di declino nei consensi, oltre che rafforzare un governo che ha già notevolmente compromesso il nostro futuro, mentre gli oppositori alla modifica costituzionale, inconsapevolmente, rinvigoriscono un ceto politico penoso che non vuole per nessuna ragione mollare le poltrone, strumentalizzando, artatamente, come sempre (da almeno 50 anni), di voler difendere i valori della Costituzione, il Parlamentarismo, il pluralismo democratico e bla bla bla.

San Sosti, incontro sul Pd "Controcorrente"

SAN SOSTI - Il circolo Pd di San Sosti ha organizzato e promosso nei giorni scorsi un incontro per discutere le proposte avanzate dall’associazione politico-culturale Controcorrente, formata da giovani dirigenti e amministratori della provincia di Cosenza. Proposte che lanciano una duplice sfida: elaborare un pensiero politico innovativo e affrontare un indispensabile rinnovamento del Pd calabrese.

Il rilancio non ha bisogno di eroi!

Con la fase 2 dovrà necessariamente riprendere, anche, l'agenda politica spezzanese le cui scelte condizioneranno inevitabilmente il futuro, almeno, dei prossimi 20-30 anni della comunità.
Certamente i nodi da sciogliere sono diversi, molto complessi e complicati, e una politica di attesa appesantirebbe ancora di più le questioni in campo.
Il rafforzamento della macchina amministrativa comunale rappresenta un tema prioritario da risolvere, considerato che l'organico municipale, anche in ragione della riduzione delle risorse umane, appare fragile ed inadeguato a garantire un servizio efficace ed efficiente, nonostante l'impegno e lo sforzo di tanti dipendenti (non di tutti) a tentare di colmare i considerevoli vuoti organizzativi strutturali.

Nuove geografie politiche per non... morire!

Il 26 gennaio i calabresi, per l'ennesima volta, hanno inteso cambiare rotta “per non cambiare niente” e simbolicamente la scena della tarantella di Jole Santelli, a seguito della schiacciante vittoria, non fa presagire nulla di nuovo ed innovativo in grado di mutare la sorte della terra che ha dato il nome all'Italia, destinata, inesorabilmente, all'irrilevanza, essendo il fanalino di coda in tutti i settori, ad eccezione della criminalità organizzata che, invece, continua a crescere, nonostante le ultime operazioni di contrasto dello Stato.

La scuola spezzanese merita una difesa, senza se e senza ma

L'istituzione cardine su cui si regge una società moderna, peraltro, sempre più complessa e iper-collegata, resta, tuttora, nonostante le contingenti difficoltà e le trasformazione della rivoluzione digitale, la scuola.
Quest'ultima, nella storia del nostro territorio, ininterrottamente ha assolto del tutto la propria funzione istruttiva, ed in particolare il Liceo Scientifico “Vittorio Bachelet”, che negli ultimi cinquant'anni ha contribuito al progresso socio-economico, nonché alla crescita civile e culturale della comunità, offrendo una seria ed elevata formazione che è stata lo strumento decisivo per il raggiungimento degli obiettivi e dei successi di tante generazioni di studenti del comprensorio.

Il futuro di Spezzano oggi dipende dal sindaco Nociti

Con 1982 voti ottenuti dalla lista “Impegno e Passione”, il dott. Ferdinando Nociti è stato riconfermato Primo cittadino di Spezzano Albanese, entrando, a pieno titolo, nella storia politica della comunità arberëshe più grande, almeno, della Calabria, considerato che per la prima volta, dopo la riforma dell'elezione diretta del Sindaco del 1993, i cittadini spezzanesi hanno inteso rinnovare la fiducia al sindaco uscente, aderendo al messaggio elettorale rappresentato, in sintesi, dalla necessità di stabilità, nonché di continuità amministrativa per rilanciare il paese medesimo.
Del resto, al neo-eletto, oltre a raggiungere il primato storico del politico più longevo, è stato riconosciuto, ormai, il ruolo di “dominus assoluto” della politica nostrana, non sussistendo, allo stato, alcuna personalità ovvero forza in grado di contrastarne la posizione egemonica.

Le vie della seta per rilanciare l'Italia: occasione da non perdere

Il Memorandum d'intesa tra Italia e Cina, siglato dal Vice-premier Luigi Di Maio, con il suo omologo cinese (il presidente della Commissione sviluppo di Pechino He Lifeng), sotto gli occhi del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del presidente Xi Jinping, non costituisce formalmente un vero e proprio accordo internazionale da cui possano derivare diritti e obblighi aventi efficacia vincolante tra i le parti, purtuttavia, non si tratta neanche di un enorme “spot elettorale”, per come, capziosamente, hanno tentato di far apparire i detrattori interessati del Governo giallo-verde.

Don Ferdinando Guaglianone: Miles Papae!

Nel tratteggiare la figura di Don Ferdinando Guaglianone, arciprete primicerio di Spezzano Albanese, deceduto il 7 febbraio 1927, all'età di 84 anni, l'avv. Ferdinando Cassiani, (vedi Biografia - un intransigente del 1928) utilizzò la scena del tragico personaggio Zoliano del Cardinale Boccanera (vedi- Romanzo - Roma di Emile Zola) morente, che, pur di non cedere alle nuove idee illuministiche e razionalistiche che avanzavano inesorabilmente, anche, all'interno della Chiesa, era pronto ad affossare la religione cattolica. Un'immagine fortemente drammatica e nello stesso tempo bizzarra, adoperata con grande maestria ed efficacia dallo storico arbëresh per descrivere l'anacroniostica personalità del compaesano prelato il cui giudizio fu alterato certamente dalle incrostazioni politico-ideologiche del tempo.

L'Italietta delle... meraviglie

Fatto salvo il Festival di Sanremo con l’incoronazione demoscopica di Claudio Baglioni ad “imperatore”, il Popolo Italiano si avvia ad eleggere (XVIII legislatura) il nuovo Parlamento con maggiore serenità.
Per l’assegnazione di 630 seggi alla Camera e 315 al Senato sono state avanzate in totale 12.428 candidature, il cui dato (Viminale) esprime per molti il superamento di una “pseudo-democrazia per cooptazione”, fondata su “rappresentanti nominati”, mentre per altri, al contrario, l’estrinsecazione di un “democraticismo pletorico patologico”, invece, per altri (disillusi), ancora, una specie di mero “concorso pubblico preferenziale”, al fine di una sistemazione lavorativa per privilegiati.

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners