fbpx

Roggiano, «lo screening Covid a Scuola andava fatto prima»

ROGGIANO GRAVINA - La problematica tamponi positivi alle scuole roggianesi preoccupa anche la minoranza, e nella fattispecie il gruppo “Idee per il cambiamento” composto da Giuseppe Marsico (capogruppo) e Stefania Postorivo. Nei fatti, «dopo aver appreso che - nei giorni scorsi - alcuni tamponi antigenici, eseguiti su docenti e personale scolastico attraverso lo screening avviato dall’Amministrazione comunale, avrebbero dato esito positivo», gli stessi hanno scritto al sindaco Salvatore De Maio.

Volley Bisignano, allenamenti in massima sicurezza

  • Pubblicato in Volley

BISIGNANO - Gli allenamenti della Volley Bisignano proseguiranno da oggi pomeriggio, ovviamente in massima sicurezza e, proprio per questo, saranno fatti tamponi rapidi per poter svolgere con sicurezza le attività.

A Terranova "L'Alternativa" bacchetta l'amministrazione Lirangi

TERRANOVA DA SIBARI - «Fare speculazione politica in tempi come questi è pratica né buona né giusta e pertanto prima di ogni altra cosa ci dichiariamo disponibili a condividere con l'amministrazione comunale qualsiasi azione che abbia come obiettivo la salvaguardia e/o il miglioramento delle condizioni di salute dei terranovesi». Così il gruppo di opposizione consiliare “L'Alternativa” di Terranova da Sibari esordisce in una nota di denuncia contro l'amministrazione guidata dal sindaco Luigi Lirangi. Nel documento, infatti, si legge: «Ma detto ciò, se si vuole ripartire e ripartire bene, bisogna capire chi ha sbagliato e perché.

Covid-19: nuovo decesso nell'Esaro, una pensionata di 67 anni

SAN MARCO ARGENTANO - Era andata in pensione da qualche anno ma purtroppo il Covid-19 se l’è portata via a soli 67 anni. È la triste storia di un’amorevole nonna ricoverata per altre patologie agl’inizi di dicembre presso l’Annunziata di Cosenza che si è trovata catapultata nell’inferno del virus e che – secondo quanto appreso – è deceduta per l’aggressione da questo patogeno subdolo.

Esaro, è tornato a casa guarito l’assessore sansostese

SAN SOSTI - È tornato a casa per queste festività e potrà trascorrere il fine anno tra le mura domestiche per attendere il 2021. È l’assessore sansostese Amerigo Ricca, dimesso dall’Annunziata di Cosenza guarito dal Covid-19 dopo il ricovero avvenuto la sera dell’8 dicembre scorso presso il reparto di malattie infettive.

A S.Maria le Grotte il presepe segno di speranza realizzato da "Iride"

S. MARTINO DI FINITA - Piccola ma significativa l’iniziativa natalizia promossa dall’associazione ricreativa culturale “Iride” della frazione S. Maria Le Grotte. Anche quest’anno, infatti, il sodalizio di cui è presidente Antonio Trotta ha realizzato, in uno scorcio del centro storico, un suggestivo e caratteristico presepe per la gioia non solo dei bambini ma anche dei grandi, in questo particolare e delicato momento che l’umanità intera sta vivendo.

Esaro, in via di miglioramento l’assessore sansostese

SAN SOSTI - È in via di miglioramento l’assessore sansostese che dalla sera dell’8 dicembre scorso è ricoverato presso il reparto Covid. dell’Annunziata di Cosenza. I sanitari del nosocomio cosentino, pur cauti dal giorno della sua ospedalizzazione per via d’una polmonite già un po' avanzata, hanno sottoposto alle cure del caso l’uomo di 65anni, amministratore comunale di lungo corso, che di professione è un dipendente dell’Asp.

Primo decesso da Covid a San Marco Argentano

SAN MARCO ARGENTANO – La notizia che da qualche giorno le sue condizioni erano precipitate aveva fatto temere il peggio. Poi anche il post del sindaco di San Marco Argentano, Virginia Mariotti di ieri sera non aveva riacceso quella fiammella di speranza: «Uno è ricoverato in gravi condizioni presso il reparto di Rianimazione del presidio ospedaliero dell'Annunziata di Cosenza». Stamani la cruda verità: Giovanni Petrassi, 70 anni appena, è il primo deceduto da Covid nella città normanna e con lui sono 9 le persone decedute nel distretto Esaro in questa seconda ondata del virus.

Morto di covid il primo spezzanese. Ha contratto il virus durante la riabilitazione in un centro

SPEZZANO ALBANESE – Questa mattina arriva per Spezzano Albanese la brutta notizia della prima vittima di Covid19. Si tratta di Domenico Scorza, 70enne impegnato nel mondo del volontariato e della Protezione Civile, che dopo 12 giorni di intubazione lascia un vuoto incolmabile nella comunità arbëresh, dove viveva e operava, e nella sua comunità di origine Tarsia. Scorza, come ci racconta il figlio Francesco, nello scorso mese di settembre si era dovuto sottoporre, a Taranto, ad un intervento ortopedico di routine che avrebbe richiesto un periodo di riabilitazione. Tutto è filato per il meglio, così Scorza si trasferisce in un centro per avviare il percorso riabilitativo.

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners