fbpx

La “sfida” di Corbelli. Pronto a scendere in campo per le Regionali se lo decideranno i calabresi In evidenza

La “sfida” di Corbelli. Pronto a scendere in campo per le Regionali se lo decideranno i calabresi

COSENZA - La “sfida” di Corbelli! Breve video e lettera aperta, su Fb, ai calabresi: “Decidete se Diritti Civili (conosciuto e apprezzato in Italia e nel mondo per le sue storiche battaglie e grandi iniziative umanitarie, come la monumentale opera del Cimitero internazionale dei Migranti, in fase di realizzazione a Tarsia), in questo momento così difficile e drammatico per il Paese e, in particolare, per la nostra povera, martoriata regione, a causa della terribile pandemia, deve correre, oppure no, alle prossime elezioni regionali del 14 febbraio 2021,

autonomamente, con una nostra candidatura alla presidenza, come fece nel 2000 con la candidatura alla Presidenza della Regione(da solo e contro i due Poli!), e nel 2004, sempre in solitaria, con la candidatura alla Presidenza della Provincia di Cosenza”. E’ quanto afferma, in una nota, il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, che si dice “pronto a ritornare e scendere di nuovo in campo alle prossime elezioni regionali del 14 febbraio 2021, perché, in questo momento così problematico e tragico, c’è bisogno di persone coraggiose, capaci, pulite, al di sopra di ogni sospetto, ma per farlo, per candidarsi, questa volta, ha scritto una lettera aperta ai calabresi che ha pubblicato sulla popolare pagina fb di Diritti Civili insieme ad un breve, significativo video “provocazione”. La novità assoluta  è che, in questo caso, Corbelli ha delegato ai calabresi,  almeno quelli che seguono e apprezzano le battaglie civili e iniziative umanitarie di Diritti Civili, la scelta se far correre oppure no il suo Movimento dei diritti civili. “E’ giusto, corretto e rispettoso, infatti, che siano  loro, i calabresi, almeno quelli simpatizzanti di Diritti Civili, a determinare (sempreché vogliano farlo) la decisione finale sulla nostra partecipazione o meno, afferma Corbelli. E’ un momento arduo e buio per il Paese  e, in particolare, per la nostra disastrata Calabria, per questo, mentre ogni giorno, ininterrottamente da oltre 25 anni, continuiamo, a mani nude e con le sole nostre modeste forze (senza mai chiedere un contributo pubblico o privato, autofinanziando sempre tutte le nostre battaglie e grandi iniziative umanitarie e devolvendo, quando, per pochi anni, abbiamo ricoperto incarichi elettivi e istituzionali, l’indennità in opere benefiche!), a combattere, (in questo ultimo periodo, per fronteggiare la terribile pandemia, per difendere i diritti dei malati ricoverati e dei loro familiari di potersi incontrare, per non far riaprire le scuole prima di Natale e per far invece subito riaprire i 18 ospedali chiusi in Calabria!) ci rivolgiamo oggi ai calabresi per chiedere loro se ritengono giusta e opportuna la partecipazione di Diritti Civili alla prossima competizione elettorale regionale. In questo caso  scendiamo in campo, altrimenti, se non la ritengono utile, no, non ci candidiamo, afferma Corbelli. Se pensano che sia più conveniente che, per difendere la Calabria e i diritti di tutti, il Movimento Diritti Civili continui dentro le Istituzioni le importanti battaglie e le grandi iniziative umanitarie, siamo pronti, nonostante la terribile pandemia, ad affrontare la nuova sfida elettorale. Se invece credono che Diritti Civili, simbolo vero del civismo e orgoglio della Calabria nel mondo, debba continuare a rimanere fuori dalle Istituzioni e proseguire dalla strada, a mani nude, le sue battaglie, come ha fatto sino ad oggi con notevoli difficoltà e grandi sacrifici, non ci sono problemi. Ne prendiamo atto e lasciamo ai soliti partiti gli scranni (e le  poltrone!)in Consiglio regionale e in Parlamento”!

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners