Inseguimento folle fra due auto per le strade di Tarsia. Ameruso promette azioni forti

TARSIA – Paura e sgomento nel centro abitato di Tarsia dove, lunedì sera, intorno alle 23.30, due auto lanciate in folle corsa hanno impattato violentemente provocando innumerevoli danni ad altre auto parcheggiate e agli arredi stradali di Via Olivella. A darne notizia è il sindaco Roberto Ameruso che, in evidente stato di preoccupazione per l'accaduto, parla di «una fortunata fatalità che ha evitato che nel centro abitato tarsiano si registrasse una vera e propria strage».

Minaccia la madre con un coltello, arrestato 40enne cassanese

CASSANO ALL’IONIO – I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno arrestato, in flagranza di reato, un uomo di 40anni per maltrattamenti in famiglia e violazione della sorveglianza speciale.
Tutto iniziava nella nottata di ieri, quando arrivava una chiamata alla locale centrale operativa per una furente lite in atto presso un’abitazione sita nella frazione Doria di Cassano all’Ionio. Arrivati sul posto i militari della dipendente Tenenza trovavano sull’uscio di casa una donna tremante e spaventata che subito correva verso i Carabinieri per raccontargli l’ennesima violenza che aveva subito.

Rapina sventata all’ufficio postale di Mottafollone 

MOTTAFOLLONE - Rapina sventata all’ufficio postale del piccolo borgo dell’Esaro grazie all'immediato intervento dei militari della Compagnia di San Marco Argentano, nella fattispecie della stazione di San Sosti, ma anche grazie alla solerzia di chi dirige le poste mottafollonesi che ha premuto l'allarme per avvisare la Centrale operativa della Compagnia coordinata dal capitano Oscar Caruso.

Incendio distrugge capannoni allo scalo di Spezzano Albanese

SPEZZANO ALBANESE - Un vasto incendio, partito intorno alle 14 di oggi pomeriggio, ha interessato un capannone aziendale allo Scalo di Spezzano Albanese. Le fiamme, che secondo le prime ricostruzioni sembrano essere scaturite per cause accidentali, in poco tempo hanno invaso l'intera struttura distruggendola in pochissimo tempo. Il fuoco, infatti, appiccatosi probabilmente all'esterno del capannone (un mobilificio), si è subito propagato all'interno dello stesso, interessando l'attigua falegnameria e anche un frantoio vicino.

Disperso e ritrovato 30enne nel Parco del Pollino

SAN DONATO DI NINEA - 27 AGO - Si era incamminato sui monti di Orsomarso, in zona Tavolara, nell'area del Parco nazionale del Pollino, per una passeggiata e aveva smarrito la strada del ritorno. Un trentenne laziale, in vacanza con alcuni amici, disperso dalla serata di ieri, è stato ritrovato durante la mattinata di oggi da una squadra di Calabria Verde e dagli operatori del Soccorso alpino Calabria. 

Incidente a San Marco Argentanto, quattro feriti

SAN MARCO ARGENTANO – Nel primo pomeriggio di oggi si è verificato un rocambolesco incidente nei pressi di San Marco Argentano, precisamente in contrada Iotta – Sant'Andrea. Due auto, una Fiat Punto e una Ford Fiesta, con a bordo complessivamente quattro persone, hanno impattato violentemente tanto che la Punto si è capovolta sulla strada.

Incendio doloso a Spezzano: un Bar andato distrutto

SPEZZANO ALBANESE – È di natura dolosa l'incendio che, la notte fra mercoledì e giovedì scorsi, ha distrutto il Gran Caffè Pangaro sulla centralissima Via Nazionale a Spezzano Albanese. In un primo momento sulla questione c'è stato il massimo riserbo  ma adesso emerge chiaro che qualcuno ha appiccato il fuoco. Le fiamme, divampate davanti la saracinesca dell'ingresso principale, in poco tempo hanno interessato anche i locali interni arrecando seri danni alla struttura. A dare l'allarme gli inquilini della palazzina che, durante la notte, hanno avvertito che il fuoco stava distruggendo ogni cosa. Sul posto i Vigili del Fuoco e i Carabinieri della locale stazione, guidata dal Luogotenente Sergio De Cristofaro, e quelli della Compagnia di San Marco Argentano, tutti agli ordini del capitano Oscar Caruso.

Omicidio ad Apollinara: oggi l'autopsia

CORIGLIANO ROSSANO – Il duplice omicidio di Apollinara continua a lasciare sgomenti tutti. Infatti, oltre alla crudeltà applicata per compiere la mattanza, mancano tasselli utili per comprendere a fondo le dinamiche e gli scenari che stanno dietro alla sparatoria. Sicuramente elementi importanti verranno fuori dall'autopsia disposta per oggi sui cadaveri di Pietro Greco, originario di Castrovillari ma residente a Cassano, già noto alle Forze dell'Ordine, e dell'imprenditore coriglianese Francesco Romano.
Il ritrovamento delle vittime, lo ricordiamo, era avvenuto alle prime luci dell'alba di martedì scorso da parte di alcuni agricoltori che avevano segnalato la presenza dei corpi nella Fiat Punto grigia. Si pensa che l'omicidio possa essere avvenuto nel pomeriggio di lunedì. Infatti, i telefoni dei due assassinati già dalle 17.30 di lunedì avevano smesso di essere connessi alla rete.

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners