fbpx

Cordoglio

La Redazione di dirittodicronaca.it si stringe al dolore che ha colpito il collega Roberto GALASSO per la perdita della cara mamma. A lui e alla famiglia vanno le nostre più sentite condoglianze.

Grillini all'arrembaggio, o forse no! La parola alla legge elettorale

L’esito referendario del dicembre scorso, oltre ad aver rottamato il Governo di Matteo Renzi, ha posto fine al trentennale riformismo istituzionale dei partiti, dando inizio ad una stagione di turbolenza ed instabilità politica (non breve) che neppure le prossime elezioni saranno in grado di superare.
Di conseguenza, in questa nuova fase, i partiti tradizionali hanno l’obbligo di rinnovarsi (sia nei contenuti programmatici che nei quadri dirigenziali) e riposizionarsi, evitando di favorire quei processi di frammentazione e divisione già in atto.

In particolare, la sonora sconfitta del “fronte del Sì”, per esempio, ha riaperto una partita all’interno della sinistra italiana tra Riformismo e Massimalismo, che la costruzione del Partito Democratico (e la leadership del boy-scout di Rignano sull’Arno) sembrava avesse ormai archiviata.
In effetti, contrariamente alle aspettative di rilancio, il congresso del Pd (che si terrà fra pochi mesi) non farà altro (ovvero non sarà capace) che ratificare la scissione delle due anime del partito che nell’ultimo decennio con miopia si è tentato di conciliare, producendo un’acutizzazione delle tensioni nei rapporti interni, nonché un’azione politica inefficace alla risoluzione dei problemi in campo.
Perciò, non appare complicato prevedere tempi difficili per la sinistra italiana (o le sinistre italiane), come resta tortuoso, confuso e senza prospettive il futuro prossimo della destra nostrana fino a quando essa non si emanciperà dal Cavaliere e, quest’ultimo, non si convincerà di abdicare in favore di quei giovani leaders interessati a costruire la casa liberal-conservatrice, differenziandosi dai movimenti regionalisti e populisti.
Per cui, fallito il tentativo Renziano di riformare dall’interno il sistema politico italiano, il “comitato del No” ha consegnato il paese a Grillo e non potrà certo il neo-Governo Gentiloni, sorretto, solamente, dal Presidente della Repubblica, a sbarrargli la strada di Palazzo Chigi.
Allo stato, dunque, l’unica forza politica capace di ostacolare il cammino del Movimento Cinque Stelle sembra proprio il Movimento stesso, il quale negli ultimi tempi ha dimostrato un preoccupante dilettantismo politico ed una spregiudicata incoerenza programmatica, segno evidente di una classe dirigente fragile ed approssimativa.
Oltre a se stessi, i “Grillini” devono far attenzione al bizzarro sistema politico italiano (che essi tanto generosamente hanno difeso), ove non è automatico che il potere esecutivo spetti alla forza politica che riceva maggiori consensi nel Paese, bensì a quella che è capace di intercettare il favore della maggioranza dei gruppi parlamentari.
Per cui sarà fondamentale conoscere la legge elettorale con cui si andrà a votare alle prossime elezioni politiche, poiché essa deciderà il prossimo inquilino di palazzo Chigi.
Tutto il resto, purtroppo, non conta più!

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners