CALCIO - Vaccaro miglior trainer della Prima categoria 2018-19

  • Il tecnico santagatese ha incontrato di recente l'ex Campione del Mondo, Daniele De Rossi
Lucio Vaccaro con il Campione del Mondo 2006, Daniele De Rossi Lucio Vaccaro con il Campione del Mondo 2006, Daniele De Rossi

SANT'AGATA D'ESARO - nota stampa - È un periodo di grandi soddisfazioni per mister Lucio Vaccaro, decretato – tramite un sondaggio on line d’un sito web cosentino (cosenza.iamcalcio.it) – il miglior allenatore del girone A di Prima categoria 2018-19. Lo stesso trainer, che continuerà ad allenatore il Real Sant’Agata, panchina sulla quale siede dall’estate 2014, ha accolto con entusiasmo la notizia che i gialloblù sono una delle squadre (insieme al Monasterace) ad avere priorità per i tre ripescaggi del campionato di Promozione 2019-20. 

Negli ultimi giorni, lo stesso Vaccaro ha incontrato un’icona del calcio italiano come Daniele De Rossi, campione del Mondo 2006, che di recente ha lasciato la Roma. Un’altra soddisfazione personale che s’aggiunge a quella d’aver conteso a Roberto Mantuano (collega del PraiaTortora) la palma di miglior trainer del campionato scorso. Al primo turno, su cinque nomi di allenatore, Vaccaro era avanti di poco (44,2% a 43,5%). Al ballottaggio, invece, il divario s’è dilatato (56,4% a 43,6%). Lucio Vaccaro, ex giocatore di tante squadre, allena fin dalla stagione 2001-02 (a Malvito in 2a categoria), e si prende un po' una rivincita rispetto all’esito del campionato che l’aveva comunque portato a giocare, con i suoi ragazzi, lo spareggio (poi perso 0-1) contro la Nuova Rogliano. Nella sua carriera ha diretto, dopo gli Allievi del Pettoruto, il San Sosti (2a cat.); l’Artemisia (ex Real Altomonte), perdendo – in 2. categoria – due finali playoff consecutive con San Marco e Roggiano. Poi, nel 2008-09 ha condotto il Roggiano alla salvezza in 1a categoria e l’anno successivo ha dovuto lasciare, per motivi di salute, i gialloverdi, proiettati in finale di Coppa Calabria poi vinta. Nella stagione 2010-11, l’avventura con l’Asd Sant’Agata iniziata dalla 3a categoria (finale playoff persa con il Fagnano) e proseguita poi con la doppia promozione fino alla 1° categoria. Nell’estate 2014, quindi, l’approdo alla neonata Real Sant’Agata, con due promozioni consecutive (dalla 3a alla 1a), quindi un 7° posto; un 4° posto (semifinale playoff persa ad Amendolara), e quindi la finale playoff vinta con il Real Montalto. La finalissima risultata amara con la Nuova Rogliano ora - dopo le ultime notizie di “ripescaggio” - hanno davvero il sapore d’una meritata vittoria sul campo.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners