Ciclismo, Luigi D’Amico dalla strada torna alla mountain-bike

Luigi D'Amico in azione Luigi D'Amico in azione

BELVEDERE MARITTIMO - Luigi D’Amico, il talento ciclistico belvederese torna alla mountain-bike. Ventidue anni ancora da compiere il prossimo 1° ottobre, D’Amico aveva fatto già delle esperienze di ciclocross, ultime delle quali le tre vittorie consecutive tra novembre e dicembre 2018 tra Corato (Bari) e Montesano Salentino (Lecce).

E probabilmente è stata questa la molla che ha fatto scattare in lui la decisione di tornare a fare il biker. D’altronde le sue prime esperienze sulle due ruote risalgono al 2014, quando tra cross-country e ciclocross partecipò ai Campionati italiani di XC a Bielmonte (Biella) ed a Pezze di Greco (Brindisi). Passista - scalatore con una percorrenza media annua di circa 25mila chilometri effettuati mediante allenamenti con misuratore di potenza (Srm), da questa stagione, che dovrebbe tornare alla normalità dopo il lockdown, si dedicherà a pieno ritmo alle competizioni fuoristrada specialità Mtb Marathon nazionali ed internazionali, quale portacolori della “Piraz Coaching Mtb Racing Team di Imola, capitanato dal forte biker Mirko Pirazzoli. Juniores fin dal 2015, D’Amico è stato tesserato dapprima con la “A.S. Catanzaro nel cuore” affiliata con la “GS Caneva” di Pordenone, ottenendo vari piazzamenti. Poi, nel 2016, ancora Juniores tesserato con la FCI Friuli Venezia Giulia – “Danieli Cycling Team 1914”. Nel 2017, primo anno da under 23 viene seguito dal Ds Olivano Locatelli del Team Palazzago raggiungendo i 25mila chilometri. Fra il 2018 ed il 2019, sempre da under 23 con la FCI Molise “Team Vejus”, partecipa a diverse competizioni su strada ma anche di ciclocross e quindi ancora per la FCI Molise chiude con il “Team Aran Cucine - Vejus”. Ora il definitivo passaggio a mondo dei biker.

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners