Tante persone per il funerale di Francesca Gattuso In evidenza

  • Padre Fortugno ricorda il sorriso cantando Guccini
Tante persone per il funerale di Francesca Gattuso

SCHIAVONEA – La chiesa piena entro quelle che sono le disposizioni per la sicurezza anticovid e tanta molta gente rimasta fuori, sotto la pioggia, per portare l'ultimo saluto a Francesca Gattuso, prematuramente scomparsa presso l'ospedale di Busto Arsizio qualche giorno fa. A presiedere le celebrazioni funebri è padre Lorenzo Fortugno che, nel ricordare la figura allegra di Francesca, non esita un istante ad intonare, a conclusione dell'omelia, alcuni versi di “Canzone per un'amica” di Francesco Guccini: «Vorrei però ricordarti com'eri, pensare che ancora vivi. Vorrei pensare che ancora mi ascolti e come allora sorridi, e come allora sorridi». Perché il sorriso di Francesca rimanga sempre impresso nel cuore e nella mente di ciascuno di noi.

Grande commozione per tutti i presenti, che si sono stretti attorno alla famiglia in un momento difficilissimo per la perdita di questa giovane mamma. Ed è padre Fortugno a indirizzare il pensiero di tutti sulla preghiera, che, ha detto, «serve a rinforzare la fede per riscoprire questo momento di dolore. Celebriamo da credenti in Gesù morto e risorto la figura di Francesca che non è persa; questa giovane mamma non è persa -ha insistito- e le lacrime che avete versato in questi giorni hanno fatto provare un dolore che non ha nome e che si porta dentro. Penso al dolore dei familiari -ha aggiunto- e in questo momento, davanti al Signore, comprendiamo qualcosa di importante e che ci fa sperare, perché Francesca è stretta nella mano di Dio».
Padre Fortugno, inoltre, ricorda la forza di “una giovane donna che non si dava mai per vinta, nonostante la malattia che avevamo in comune del diabete”. «Per lei -ha detto- la vita che il Signore ci ha dato è una vita fatta di gioie. Quindi oggi alziamo lo sguardo verso il Signore per trovare il conforto e capire qual è il sentimento di Cristo nei confronti di Francesca e di ciascuno di noi. Chiunque viene a me, dice il Signore, io non lo caccerò fuori. Ecco che la speranza per Francesca è che in questo momento è nella gioia e che l'amore non può mai sparire. Ognuno di noi è un frammento della santità che ci è stata donata nel giorno del nostro battesimo. Nessuno sostituisce nessuno -ha concluso- ma la cosa bella è pensare che Francesca non è sparita ma che vive nella pienezza del Signore».
Diversi i messaggi di cordoglio letti alla fine delle celebrazioni per la sorella di Rino Gattuso, allenatore del Napoli, che hanno visto la partecipazione anche le rappresentanze della scuola calcio Forza Ragazzi e della Volley Corigliano.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners