fbpx

Corigliano. Controlli dei Carabinieri alle case popolari: sei denunce In evidenza

Corigliano. Controlli  dei Carabinieri alle case popolari: sei denunce

CORIGLIANO - ROSSANO – I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, unitamente ai militari della Sezione d’Intervento Operativo di Vibo Valentia, nonché a personale dell’ATERP di Cosenza e dell’ENEL, hanno svolto nella giornata di ieri controlli a tappeto sulle case di edilizia popolare site nella zona di Corigliano Centro, per accertare eventuali illegittimità nell’occupazione dei relativi alloggi.


Di prima mattina sono scattati i controlli, dopo che la zona è stata presidiata in tutti gli accessi da parte di diversi militari posti a cinturazione della zona, mentre altri Carabinieri facevano accesso ai predetti alloggi, divisi in squadre, focalizzando gli accertamenti sulla legittimità del titolo concessorio all’occupazione delle unità abitative da parte delle famiglie e su eventuali furti o danneggiamenti dei misuratori di energia elettrica o allacci abusivi alla corrente pubblica. Nel corso di tutta la mattinata i Carabinieri hanno controllato 48 abitazioni, identificato 69 persone, effettuato 5 perquisizioni domiciliari e sottoposto ad accertamenti 32 veicoli. Il resoconto della maxi-operazione è stata di 5 persone denunciate per invasione arbitraria di alloggi di edilizia popolare, per i cui accertamenti è stata fondamentale anche la documentazione in possesso dell’Azienda Territoriale dell’Edilizia Residenziale Pubblica di Cosenza, che accertava la mancanza di qualsiasi titolo per i soggetti denunciati all’occupazione degli immobili dove venivano trovati. Veniva anche accertata la manomissione di un contatore di energia elettrica, con verosimile furto della stessa, per la quale fattispecie veniva denunciata una donna per i reati di danneggiamento aggravato e furto di energia elettrica. Venivano, inoltre, controllati tutti i veicoli parcheggiati nelle zone popolari di Via Lao, per accertare se qualcuno fosse di provenienza delittuosa o privo dell’assicurazione obbligatoria per legge: il resoconto è stato di due autovetture sequestrate amministrativamente per mancanza della R.C.A. e di un ciclomotore per l’Apposizione di una targa non propria.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners