Sequestrati 370kg di novellame di sarda, 25mila euro di multa

CORIGLIANO - Nei giorni scorsi, durante un'attività di intelligence e controllo del territorio costiero dello jonio cosentino, militari della Guardia costiera di Corigliano hanno intercettato lungo la strada statale 106 jonica, all’altezza della zona industriale di Corigliano, un furgone con a bordo una partita di 370 chili di novellame di sarda, comunemente chiamato "bianchetto", trasportati illegalmente.
Tutto il prezioso carico era contenuto in 51 cassette di polistirolo e, pronto ad essere immesso illegalmente nella filiera commerciale della pesca, se venduto al dettaglio, avrebbe fruttato oltre 5.000 Euro.

La Guardia Costiera sequestra 1000 metri quadrati di area demaniale ed opere abusive

ROCCA IMPERIALE - Personale militare appartenente al Compartimento Marittimo di Corigliano Calabro ha operato nei giorni scorsi il sequestro penale preventivo di un’area demaniale marittima e manufatti abusivamente realizzati per mq. 1.000 in località del Comune di Rocca Imperiale, in esecuzione di un provvedimento del Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Castrovillari emesso su richiesta della Procura della Repubblica.

Guardia di Finanza e Guardia Costiera sequestrano 830kg di tonno rosso

CORIGLIANO - Guardia di Finanza e Guardia Costiera, hanno sequestrato in Roseto Capo Spulico 370 chili di tonno rosso sotto misura e 460 chili di pesce privo di tracciabilità, illecitamente trasportati in un furgone che viaggiava, nella serata del 13 novembre, in direzione sud proveniente dalla Puglia.
Le Fiamme Gialle impegnate in un posto di controllo lungo la strada statale 106 jonica hanno proceduto al fermo del veicolo. Sul luogo sopraggiungeva una pattuglia della Guardia Costiera impegnata negli ordinari servizi d’Istituto, che partecipava alle operazioni di controllo.

Esercitazioni della Capitaneria al Porto di Corigliano

CORIGLIANO - Nella giornata di ieri la Capitaneria di porto di Corigliano Calabro ha portato a termine due esercitazioni in porto, una di security e l’altra antincendio.
Le esercitazioni sono state precedute da una riunione organizzata dalla Capitaneria di porto con le istituzioni ed enti interessati fra cui la Prefettura di Cosenza, la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, i Vigili del Fuoco, l’Autorità portuale di Gioia Tauro, l’Agenzia delle Dogane.

Il procuratore Facciolla presenta i risultati delle attività in materia di ambiente

CORIGLIANO - Si è tenuta giovedì 8 febbraio, presso la sede della Capitaneria di porto di Corigliano Calabro, la conferenza stampa del Procuratore della Repubblica di Castrovillari, Eugenio FACCIOLLA, di presentazione dei risultati dell’attività di polizia giudiziaria in materia ambientale eseguita sul territorio ricadente nel circondario della Procura. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il Comandante della Capitaneria di porto, Capitano di Fregata (CP) Canio MADDALENA, il Comandante del Reparto Aeronavale della Guardia di Finanza, Tenente Colonnello Domenico TAVONE e, per il Dirigente Generale della Regione Domenico PALLARIA, i tecnici Ing. Francesco PETRONE ed Ing. Giovanni STENTA.

Festeggiamenti in onore di Santa Barbara a Rossano

ROSSANO - Anche a Rossano, nella mattinata del 4 dicembre 2017, è stata festeggiata Santa Barbara che è la protettrice sia degli uomini della Marina Militare e sia dei Vigili del Fuoco. In mattinata, presso la Parrochia di San Giuseppe allo Scalo cittadino, è stata celebrata la Santa Messa, presieduta da S. E. Mons. Giuseppe Satriano (Arcivescovo della Diocesi di Rossano-Cariati), alla presenza del sindaco, Stefano Mascaro, ma anche di numerose autorità civili e militari.

Torna l'esercitazione anti inquinamento a largo del Porto

CORIGLIANO - Nella mattinata odierna si è svolta un’esercitazione antinquinamento, denominata «Pollex 2017», nelle acque antistanti il porto di Corigliano Calabro”, in prossimità dell’imboccatura.
L’esercitazione, preceduta nei giorni scorsi da una riunione operativa tenutasi in Capitaneria di porto, è finalizzata a testare la macchina organizzativa e soprattutto operativa da mettere in campo per il contrasto a tipologie di eventuali inquinamenti causati dalla fuoriuscita in mare di idrocarburi o altre sostanze nocive e pericolose.

Guardia costiera soccorre due surfisti di Rossano con il mare forza 3

ROSSANO - Nel pomeriggio di lunedì 11 settembre un’operazione di soccorso in mare è stata condotta sul litorale della località Pantano-Martucci di Rossano dalla Guardia Costiera. Alla Sala Operativa della Capitaneria di porto di Corigliano Calabro è infatti giunto l’allarme relativo alla presenza nel tratto di mare antistante la località Pantano-Martucci, nel comune di Rossano, di due surfisti in difficoltà che non riuscivano a rientrare a terra a causa del forte vento proveniente da terra e delle onde del mare nel frattempo alzatesi. Subito è stata inviata in zona la motovedetta dedicata alla ricerca e al soccorso CP 841, che ha intercettato i due surfisti ad oltre 600 metri dalla spiaggia.

Blitz della Procura di Castrovillari: sequestrato depuratore ai Laghi di Sibari

CORIGLIANO – (Comunicato stampa) La Capitaneria di porto di Corigliano e la sezione operativa navale della Guardia di finanza hanno sequestrato il depuratore dei Laghi di Sibari del Comune di Cassano Ionio. Durante il sopralluogo gli uomini della Capitaneria e della Guardia di finanza hanno accertato la presenza in ingresso nell’impianto di liquidi di colore nero, probabilmente idrocarburi, e altro materiale in corso di accertamento, che viene sversato direttamente nel mare attraverso il Canale degli Stombi.
L’operazione è stata condotta dalla task force coordinata dall’ufficio di procura di Castrovillari, diretto da Eugenio Facciolla, in attuazione del “Protocollo di collaborazione in materia ambientale” firmato nei giorni scorsi con la Regione Calabria col fine di avere tolleranza zero in merito ai reati ambientali.

Ha un nome il teschio rinvenuto dal peschereccio a Rocca Imperiale

ROCCA IMPERIALE - Ha finalmente un’identità il teschio ritrovato lo scorso 16 marzo dal peschereccio trebisaccese nelle acque di Rocca Imperiale. Preso in consegna dall’Autorità Giudiziaria, dopo l’arrivo nel porto di Corigliano Calabro e mesi di accurate indagini a causa dello stato di deterioramento dei resti, ha finalmente un nome. Si tratta di Nunzio Santorsola, giovane pescatore trentottenne di Bernalda (MT) di cui si erano ormai perse le tracce dopo un’uscita in mare lo scorso ottobre 2016.

Sottoscrivi questo feed RSS

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners