fbpx

Cosenza, misura cautelare coercitiva per maltrattamenti in famiglia

Cosenza, misura cautelare coercitiva per maltrattamenti in famiglia

COSENZA - Nel pomeriggio di ieri, la locale Squadra Mobile ha dato esecuzione all’Ordinanza di applicazione di misura cautelare personale del divieto di avvicinamento alla p.o., emessa in data 19.11.2020 dal G.I.P. presso il Tribunale di Ordinario di Cosenza Dott. Giuseppe GRECO su richiesta della locale Procura della Repubblica, diretta dal Procuratore Capo Dr. Mario SPAGNUOLO, a carico di B.F. di anni 46, di Cosenza, appartenente alla comunità rom, ritenuto responsabile del delitto di cui all’art. 572 c.p. (maltrattamenti in famiglia), nei confronti della coniuge convivente e dei figli.


In particolare le indagini hanno permesso di ricostruire le ripetute minacce e molestie poste in essere dall’uomo verso la propria moglie, apostrofata dall’uomo con espressioni ingiuriose, vessata con condotte persecutorie e denigrata nel suo essere donna, minacciata di morte nel caso in cui si fosse ribellata, il tutto alla costante presenza dei figli e dei familiari della donna.
La donna, ancora, ha raccontato che l’uomo le controllava il telefono ed ogni sua comunicazione, imponendo la sua volontà su ogni sua condotta di vita quotidiana, controllando quindi ogni suo spostamento vista l’ossessiva gelosia che dimostrava di avere verso la vittima, la quale era terrorizzata dalle frequenti reazioni violente dell’uomo.
L’esperienza del personale della 3^ Sezione “Reati contro la persona, reati contro i minori e reati sessuali” della Squadra Mobile ha consentito agli investigatori di aiutare la donna e i suoi figli a superare le paure che li attanagliavano, inducendoli a raccontare le violenze subite, facendo sì che si potesse intervenire con tempestività e determinazione nella vicenda, individuando e raccogliendo tutti gli elementi a carico dell’uomo, che, rassegnati alla competente A.G., hanno consentito l’emissione in brevissimo tempo della misura cautelare in argomento.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners