fbpx

Cordoglio

La Redazione di dirittodicronaca.it si stringe al dolore che ha colpito il collega Roberto GALASSO per la perdita della cara mamma. A lui e alla famiglia vanno le nostre più sentite condoglianze.

La pizza, un universo tutto gustoso da scoprire

La pizza, un universo tutto gustoso da scoprire

Tra i prodotti gastronomici più noti, la pizza, come ricorda giustamente anche www.lecosemigliori.com, non solo è un universo tutto gustoso da scoprire, ma è anche un Patrimonio dell’Umanità, come è stato sancito dall’Unesco nel 2017.
Tra gli alimenti tipicamente italiani più conosciuto all’estero, è un piatto che ha origine nella cucina napoletana. Tradizionalmente, la sua cottura deve avvenire in un forno alimentato a legna. Di base è una specialità semplice e assolutamente gustosa, consistente in un impasto a base di acqua e farina, il quale, una volta che è stato spianato a mano, potrà essere condito in maniera classica, ossia con il pomodoro e la mozzarella, oppure utilizzando altri ingredienti.

La sua è una storia, incerta, complessa e lunga. Da quello che tramandano i documenti, si evince che la sua prima apparizione scritta avvenne nel 997 a Gaeta. In antichità, tuttavia, erano già diffuse presso gli Egizi come pure tra i Greci e i Romani delle focacce schiacciate che potevano essere lievitate e non.
Comunque, oggigiorno, la sua caratteristica è indissolubilmente legata alla tipicità della cucina napoletana. Tra le innumerevoli varianti che si possono degustare, indiscutibilmente la più famosa è la pizza Margherita. Una credenza popolare assai diffusa, fa sì che la creazione di questa pizza, i cui ingredienti e cioè il pomodoro, la mozzarella e il basilico, ricordano il tricolore, venne ideata appositamente nel giugno del 1889 in onore di Margherita di Savoia, allora Regina d’Italia.
Ma al di là di questa storia, la pizza Margherita onora in tutto e per tutto il valore dell’italianità. Dalla sua classica versione, nel tempo questa squisitissima specialità tipicamente napoletana, ha subito innumerevoli trasformazioni, varianti che possiamo constatare dai vari nomi e dalle diverse caratteristiche rispondenti alle diverse tradizioni locali.

Come fare una ottima pizza a casa

Seppure il modo migliore per degustare la pizza sia quello di mangiarla in pizzeria, dove può essere cotta adeguatamente in un forno a legno, tuttavia, come indica anche www.lecosemigliori.com, la si può anche preparare a casa ogni qualvolta lo si desideri. Ma se di base necessitano elementi poveri, per ottenere un prodotto eccezionale è bene fare attenzione ad alcuni aspetti della sua preparazione.
Per esempio, per un buon risultato è rilevante dare la meritata importanza all’acqua, la quale, per dare la giusta compattezza a tutto l’impasto, dovrebbe essere moderatamente dura. Altro suggerimento proveniente direttamente dai più grandi pizzaioli, è quello di utilizzare del lievito di birra che sia fresco e di lavorarlo con attenzione. Inoltre, è bene optare per una lievitazione senza fretta.
Anche la manualità è un fondamentale elemento nella sua preparazione. Quindi, dovrà avvenire con gesti precisi e sicuri. Il modo migliore per ottenere un risultato paragonabile a quello di una pizzeria, è quello di avere una pietra refrattaria da inserire in forno già a temperatura. Questa dovrebbe essere attorno ai trecento gradi.
In conclusione, dopo solo cinque minuti di cottura, si avrà il piacere di mangiare a casa proprio uno dei più importanti e famosi vessilli della cultura gastronomica italiana.

© Riproduzione riservata



Abbonati a dirittodicronaca.it

Caro lettore, cara lettrice,
ci rivolgiamo a te sottovoce, per sottolineare il senso di gratitudine che, con il tuo continuo interesse, hai dimostrato durante questi anni di attività ininterrotta di informazione che DIRITTO DI CRONACA ha gratuitamente garantito sul Territorio dal 2009. A giugno 2020, nel pieno della pandemia, abbiamo chiesto un sostegno economico libero per far fronte a nuovi oneri economici e poter garantire il servizio di informazione. I risultati, purtroppo, non sono bastati a coprire tutte le spese. A quei pochi sostenitori, però, va il nostro profondo senso di gratitudine e di riconoscenza.
Quanto fatto potrà avere un seguito solo se ogni utente lo vorrà davvero, dimostrandolo fattivamente, anche se in maniera puramente simbolica: sostenendoci con l'irrisorio contributo di un solo caffè al mese. Questo darà la possibilità di accedere a tutti i contenuti della nostra piattaforma di informazione, che sarà resa più fruibile e più "smart" e arricchita di nuovi approfondimenti e nuove rubriche che abbiamo in cantiere da tempo ma che non abbiamo potuto realizzare per carenza di fondi.
Ti ringraziamo di vero cuore sin d'ora per quello che farai per sostenere Diritto Di Cronaca.

NON STACCARCI LA SPINA... AIUTACI A MANTENERTI SEMPRE INFORMATO!
Emanuele Armentano


abbonati per 6 mesi

abbonati per 12 mesi


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners