fbpx

Roggiano, spariscono in campagna 100 piantine d’ulivo

Un uliveto giovane (repertorio) Un uliveto giovane (repertorio)

ROGGIANO GRAVINA - Un furto strano ma “fruttuoso” quello perpetrato nottetempo ai danni di un agricoltore roggianese nella zona della Diga del Basso Esaro, in località Grisafi quasi al confine con Altomonte.

La sua passione per le olive, infatti, l’aveva convinto a farsi un bell’uliveto con piantine giovani che erano state interrate da pochi giorni e che sicuramente in futuro avrebbero dato la spremitura del famoso “oro giallo” che si ottiene dalla “roggianella”, oliva dop rinomata in tutta Italia. Non è andata così, perché alcuni furfanti le hanno completamente estirpate e caricate su un camion facendo svanire anche il sogno di vederle crescere e, un giorno, raccoglierle. Oggi il danno è di poche migliaia di euro, quelle servite per acquistare gli arbusti e per pagare l’operaio che li ha poi piantati per vederli in futuro germogliare. Certamente sarà quantificabile in diverse miglia di euro se si pensa al raccolto che avrebbe potuto produrre. Così non sarà purtroppo, ed il povero agricoltore ha potuto solo constatare il furto e recarsi presso la locale Stazione dei carabinieri, che hanno fatto partire le indagini, dopo aver esposto una denuncia contro ignoti. A tale proposito, sarebbero stati sentiti alcuni vicini di podere o comunque persone che potrebbero aver notato qualcosa ma purtroppo ma al momento non si sa quale destinazione abbia preso l’autocarro con il carico di piantine. Le olive probabilmente cresceranno chissà dove, ma all’agricoltore quel sogno di avere un uliveto tutto suo resterà solo sulla carta.

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners