fbpx

CALCIO - Promozione «Se si riparte, si deve chiudere la stagione»

Il presidente del Real Sant'Agata Il presidente del Real Sant'Agata

SANT’AGATA D’ESARO - Il ritorno della Calabria in “zona gialla” per un lieve calo dei contagi da Covid a livello regionale fa presagire che qualcosa possa muoversi per la ripresa del calcio dilettanti. E se qualcuno ha già avanzato l’ipotesi per la ripresa dell’Eccellenza, c’è già un coro di voci che vorrebbero anche quella dei gironi di Promozione e delle categorie minori.

La data di domani 5 febbraio potrebbe essere quella della decisione per riprendere l’attività agonistica un mese dopo, alla fine dell’attuale Dpcm. Quella del Real Sant’Agata, rappresentata dal presidente Stefano Quintieri, è una “voce fuori dal coro” e mantiene integra la propria posizione. Apre, però, ad un piccolo spiraglio: «Se stavolta si ricomincia, dando spazio soprattutto agli allenamenti di squadra prima della ripartenza, lo si deve fare fino in fondo altrimenti meglio lasciar perdere perché qui si rischia solo la salute di tutti». Chiede garanzie il “patron” gialloblù che diventa possibilista se la Lega Calabra verrà incontro alle esigenze di tutti. «Pensare che dal 20 marzo a luglio inoltrato si possano giocare 24/25 giornate è assurdo. Non capiamo quindi quale sarebbe il format giusto per la regolarità del campionato di Promozione e soprattutto se si dovesse giocare anche di mercoledì quante società avrebbero a disposizioni tutti i giocatori, specie chi studia e lavora perché in primis parliamo di dilettanti». Insomma, la tendenza dirigenziale santagatese è sempre quella di ripartire dopo l’estate, adeguandosi tuttavia e pur a malincuore alle decisioni che arriveranno. I prossimi giorni saranno decisivi in tal senso.

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners