fbpx

Promozione, Real anno solare con sole 17 partite giocate

Promozione, ritorno in campo solo in sicurezza Promozione, ritorno in campo solo in sicurezza

SANT’AGATA D’ESARO - È ormai tempo di bilanci per l’anno solare appena andato in archivio, che sarà ricordato – almeno per il Real Sant’Agata – come quello in cui si sono giocate appena 17 partite. Dieci si sono disputate anteriormente al primo lockdown (dal 5 gennaio al 1° marzo); solo 7 per quello in corso tra Coppa Italia (2) e Promozione (appena 5) considerando anche il rinvio del 21 ottobre scorso a Trebisacce sempre per via del Covid-19.

Insomma, è stato più l’anno del “virus” che del calcio dilettanti. Allora, se in dodici mesi ci sono state appena 17 gare (15 di campionato e 2 di coppa), poco più d’un girone, come si fa a pretendere che dal prossimo mese di febbraio se ne possano giocare 24 o 25 (si è fermi alla 6^ d’andata) per completare la Promozione 2020-21? È il ragionevole dubbio della dirigenza santagatese, guidata dal presidente Stefano Quintieri, oltre che dello staff tecnico coordinato da mister Lucio Vaccaro e composto anche da Vincenzo Cataldi ed altri collaboratori. «Leggo da più parti – sostiene Quintieri – che dopo il 15 gennaio (escludendo altri Dpcm) dovrebbe ricominciare l’attività agonistica d’allenamento di squadra ma non ci sono ancora conferme. Nel frattempo, pur senza polemica, qualcuno ha iniziato a fare lavori a gruppetti sapendo che comunque erano possibili solo allenamenti individuali e su questo credo che ci sia stata una mancata vigilanza degli organi preposti». «Noi siamo fermi da fine ottobre – rincara la dose mister Vaccaro – e siccome non viviamo di calcio perché facciamo altro nella vita, non capisco come possano essere pronte le squadre a febbraio per poi giocare ogni 3 giorni anche fino a luglio. Né tanto meno la disputa di un solo girone, cioè 15 partite, può dare una parvenza di legalità a questi campionati». In altre parole, la società ribadisce che «bisognerebbe congelare tutto e riprendere anche ad agosto considerando la campagna vaccinale che dovrebbe concludersi entro l’estate. Neanche da febbraio in poi, se non ci saranno le condizioni di sicurezza si potrà giocare un campionato mettendo a repentaglio la salute di tutti».

 

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners