Due gambiani arrestati a Roggiano Gravina

Il corso con sullo sfondo la Torre dell'orologio Il corso con sullo sfondo la Torre dell'orologio

ROGGIANO GRAVINA - Momenti di concitazione nelle scorse ore tra il centralissimo Corso Umberto e Piazza Garibaldi, dove due uomini di colore – identificati poi come cittadini gambiani – sono finiti in manette con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Sul posto sono dovuti intervenire i carabinieri del locale comando stazione guidato dal maresciallo Sandro Dedonnantonio, oltre ad alcuni vigili urbani allertati dalle urla provenienti da un vicino supermarket. Secondo le indagini, esperite dai militari dell’Arma, i due uomini del Gambia, piuttosto corpulenti e forzuti, sarebbero entrati all’interno dell’esercizio commerciale rifornendosi di generi alimentari. Una volta giunti alla cassa non volevano pagare con la scusa «non abbiamo soldi ma abbiamo fame». Il proprietario del market, supportato anche da alcuni clienti ha intimato ai due africani di lasciare la merce se non avevano come pagarla, ma gli stessi dopo aver proferito parole incomprensibili hanno cercato di svignarsela nel tratto in salita che porta verso la Torre dell’orologio. Una chiamata al 112 della centrale operativa della Compagnia di San Marco Argentano, guidata dal capitano Oscar Caruso, ha fatto giungere una volante della locale stazione, con i due energumeni che hanno tentato d’inscenare una rissa ma sono stati fermati e condotti in caserma, nel mentre i vigili urbani hanno interdetto il traffico veicolare per consentire di bloccarli. Rimasti in cella di sicurezza per alcune ore sono stati già sottoposti al processo per direttissima, dove l’Autorità giudiziaria ha disposto per entrambi la libertà con obbligo di firma.

 

 

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners