fbpx

San Sosti, assolto il sindaco Vincenzo De Marco

Il tribunale di Castrovillari Il tribunale di Castrovillari

 

SAN SOSTI - «Non luogo a procedere per il reato ascritto perché il fatto non costituisce reato». Si chiude così, dopo alcuni anni, la spinosa vicenda che aveva visto sul banco degli imputati il sindaco Vincenzo De Marco per il presunto reato previsto dall’art. 323: abuso d’ufficio con vantaggio a favore d’alcuni e danno a sfavore d’altri.

È stato il Gup, Carmen Ciarcia, nel frattempo designata a presidente di sezione presso il Tribunale di Cosenza, ad emettere la sentenza d’assoluzione per il primo cittadino sansostese. La denuncia, effettuata dall'associazione teatrale "Pronto Soccorso" il 13 febbraio 2018, aveva visto la richiesta di rinvio a giudizio da parte del Pubblico ministero Angela Continisio a giugno del 2019. Nel procedimento penale incardinato, il sindaco De Marco si è avvalso della difesa d’ufficio dell’avvocato Giorgio Pisani, del Foro di Castrovillari, che è riuscito a dimostrare l’assoluta “non colpevolezza del suo assistito”. Secondo i fatti, il sindaco De Marco aveva rilasciato una concessione per la custodia attiva del cinema comunale a favore dell'associazione culturale "I cantori del Pettoruto" per un anno, con obbligo di versare il canone di quaranta euro mensili in favore del Comune e garantire le condizioni di pulizia e igiene. Poi, a febbraio 2018, secondo l’accusa «in difetto di un Regolamento per la gestione del patrimonio immobiliare», prorogava la custodia attiva dello stesso cinema per ulteriori dodici mesi, nonostante la stessa fosse scaduta nel 2015, senza chiedere il versamento della quota e pur essendo stato informato delle condizioni di degrado in cui versava il locale». Secondo la denuncia, inoltre, lasciava inevasa la richiesta dell'Associazione Teatrale "Pronto Soccorso", avente ad oggetto la richiesta di fruire dei medesimi locali. L’accusa parlava, quindi «di aver procurato intenzionalmente un ingiusto vantaggio patrimoniale all’associazione "I cantori del Pettoruto" beneficiaria della concessione e – al contrario – un ingiusto danno ingiusto a quella denominata "Pronto Soccorso". Il Gup, quindi, acquisite le fonti di prova, sentite le dichiarazioni a discolpa dell’imputato; ascoltati i testimoni, ha deciso per l’assoluzione piena perché «il fatto ascritto non costituisce reato».

 

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners