fbpx

Roggiano, revocata convenzione con associazione territoriale

Il sito della Villa Romana a Larderia Il sito della Villa Romana a Larderia

ROGGIANO GRAVINA - Con la delibera n. 87 la Giunta a guida Salvatore De Maio ha approvato una convenzione tra il Comune e il Dibest (Dipartimento di biologia, ecologia e scienze della Terra) dell’UniCal, per regolare il rapporto di collaborazione per attività di studio e di ricerca finalizzate al restauro e studio della “Villa romana di Larderia” ed altri beni di proprietà dell’Ente.

Con atto successivo, esattamente la delibera n. 91, lo stesso Ente ha rescisso il contratto con un’associazione del territorio alla quale, a seguito della manifestazione di interesse indetta nel marzo 2019 (quindi con la precedente amministrazione), era stata affidata la gestione dell’area per poco di 1.500 euro annui. Ad inizio settembre, poi, era stato sottoscritto il contratto d’affidamento in gestione dell’area di proprietà comunale e annessi fabbricati, in località Larderia. A seguito dell’insediamento della nuova Amministrazione guidata dal sindaco De Maio, però, emergeva che «sebbene la stipula del contratto, anche a causa della pandemia da Covid-19, il verbale di consegna in contraddittorio con la consegna delle chiavi del sito non è mai avvenuto, per cui di fatto l’affidamento non si è perfezionato». Da qui la revoca, anche perché a fine ottobre, si era concretizzato l’accordo con il Dibest dell’UniCal che si è impegnato «in attività di ricerca, di studio e di promozione e valorizzazione del patrimonio culturale del territorio calabrese ed ha manifestato l’interesse per effettuare lo svolgimento sia di attività di tesi che di restauro, da parte di studenti e docenti, su beni di materiale lapideo di proprietà comunale». Negli ultimi giorni è emersa una rimostranza dell’associazione in questione, nella quale «sembrerebbe – secondo la loro tesi – che il Comune abbia attinto a piene mani all'idea progettuale ora nella disponibilità dell’Ente presso la Stazione unica appaltante, tramite una relazione avvenuta in risposta ad una missiva del 10 agosto scorso», quindi in piena gestione Commissariale. Immediata la replica del sindaco De Maio che ha precisato: «Sono notizie destituite di fondamento. Da parte mia e dell’amministrazione non c’è nessuna intenzione di utilizzare il loro progetto che peraltro neanche conosciamo».

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners