fbpx

Denunciato un cacciatore che usava un richiamo vietato

Denunciato un cacciatore che usava un richiamo vietato

ROSSANO - I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Rossano durante una attività di controllo inerente l’attività venatoria hanno nei giorni scorsi deferito all’Autorità Giudiziaria un uomo di Mirto trovato in atteggiamento da caccia mentre utilizzava un richiamo elettroacustico. Il cacciatore è stato fermato alle prime luci dell’alba nei pressi del Fiume Trionto all’interno del Comune di Corigliano-Rossano area urbana di Rossano mentre cacciava usando un richiamo acustico elettromeccanico occultato nei cespugli che all’occorrenza veniva disattivato dallo stesso.

I militari insospettiti da un fuoristrada parcheggiato nella zona con all’interno del munizionamento hanno localizzato il cacciatore e sorpreso lo stesso mentre esercitava l’attività illegale, in quanto tali strumenti elettromagnetici sono vietati per l’esercizio venatorio. Durante il controllo, a seguito di perquisizione personale e dell’automezzo, è emerso inoltre che il cacciatore, aveva da poco sparato ad una quaglia (cotirnix coturnix), ed aveva lasciato l’automezzo aperto con diverse cartucce al suo interno tra le quali anche cartucce “a palla unica” non dichiarate. Si è quindi proceduto alla denuncia all’autorità giudiziaria dell’uomo e al sequestro del richiamo elettromagnetico, del fucile calibro 12 e del munizionamento in suo possesso, oltre 300 cartucce.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners