fbpx

Sequestro di oro rosso a Cosenza

Sequestro di oro rosso a Cosenza

COSENZA - (comunicato stampa) La Polizia di Stato continua a contrastare il furto del cosiddetto “oro rosso”, ovvero del rame. Tale fenomeno può infatti causare gravi disagi e pericoli per la circolazione ferroviaria ed all’utenza del gestore di energia elettrica che vive nelle zone periferiche della città. Nel corso dei servizi predisposti a tal fine dal Questore di Cosenza Luigi Liguori, personale della Squadra Volante  nella scorsa nottata interveniva prontamente  nella zona di S. Vito in quanto era in atto la combustione di fili elettrici, al fine di privarli dell’involucro di plastica.

Gli agenti, dopo aver appurato che nei pressi non vi era alcuna persona, si  avvicinavano al fuoco ed accertavano che una grossa quantità di cavi elettrici era stata incendiata al fine di estrapolarne il rame. A causa della combustione continuavano a diffondersi delle esalazioni inquinanti e le fiamme minacciavano di raggiungere la fitta vegetazione poco distante per cui gli operatori di Polizia di Stato chiedevano immediatamente l’intervento dei Vigili del Fuoco che coadiuvati dagli agenti di Polizia spegnevano l’incendio. Da un controllo della zona il personale della Polizia di Stato accertava che un altro notevole quantitativo di cavi elettrici, ancora intatti,  era stato occultato poco distante. Venivano  invece rinvenuti residui di cavi elettrici già bruciati.
Il rame e l’altro materiale recuperato sono stati affidati ad una ditta specializzata per il successivo smaltimento. Sono in corso gli accertamenti per individuare gli autori del furto

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners