fbpx

CALCIO - Promozione, per Vaccaro è difficile che si riprenda a giocare

Lo staff tecnico: Cataldi, Amato, Perri con mister Vaccaro Lo staff tecnico: Cataldi, Amato, Perri con mister Vaccaro

SANT’AGATA D’ESARO - Si è fermi da quasi un mese in Promozione, ma per mister Lucio Vaccaro «è difficile che il calcio dilettanti possa ripartire». È pessimista il trainer gialloblù, cresciuto a “pane e pallone” che ha un suo pensiero preciso in proposito.

«Andiamo verso l’inverno ed anche presumere una ripartenza è quasi impossibile. Con i protocolli in atto molto presto si potrebbe restare senza rosa o con pochi elementi, visto che si hanno una ventina di giocatori. Magari – prosegue – sarà pure difficile distinguere una brutta influenza dal Covid, intanto i ragazzi dovranno fermarsi e quindi non ci saranno i presupposti per sperare meglio». È stato giusto fermarsi? «Sì, assolutamente. A settembre – ottobre magari si sperava in un miglioramento, ma già il fatto di giocare a porte chiuse o con poco pubblico, la mancanza d’entusiasmo ed anche la paura a volte d’abbracciarsi dopo un gol ha condizionato questo breve scorcio di campionato». E allora cosa fare? «Per me – ribadisce Vaccaro – è meglio fermarsi completamente, congelare le classifiche e ripartire magari ad agosto 2021, oppure annullare tutto e ripartire da zero». E se si ripartisse a gennaio? «È una ipotesi che decideranno gli organi federali ma per squadre come le nostre ci saranno problemi. Molto dipenderà dalla curva dei contagi, ma credo che non si possa avere la fiducia necessaria per farlo con la mente sgombra da pensieri. Poi, per recuperare eventualmente il periodo non giocato bisognerebbe farlo ogni tre giorni, ma noi dilettanti non lo facciamo per lavoro, andiamo in campo più per la passione e soprattutto senza i problemi a livello mentale che condizionerebbero. Se ripartendo ci dovessimo rifermare dopo qualche settimana, allora meglio non ricominciare proprio».

© Riproduzione riservata

Sostieni dirittodicronaca.it: ora abbiamo bisogno di te.

Nonostante la pandemia, questo giornale continua ad offrire una informazione gratuita, svolgendo, di fatto, un servizio pubblico. Questo ci rende orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini nuovi contenuti con il fine di dare uno sguardo scrupoloso sul Territorio. Tutto ciò ha un costo economico e la pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi pari quasi a zero. Per poter andare avanti, lo abbiamo scritto già a giugno, abbiamo bisogno di essere sostenuti con un contributo minimo, anche libero.
Per queste ragioni, quindi, vi chiediamo di diventare nostri sostenitori, solo così permetterete a questa testata di proseguire la propria attività iniziata nel lontano 2009.
Grazie a tutti,
Emanuele Armentano

Fai una semplice donazione

____

BONIFICIO BANCARIO IBAN: IT97T3608105138902538002552 intestato a Expressiva Comunicazioni


Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners