Furto notturno in località Casello delle Sponze a Fagnano, svaligiato un ristorante In evidenza

Località Casello delle Sponze a Fagnano Località Casello delle Sponze a Fagnano

FAGNANO CASTELLO - Furto notturno all’interno dell’area naturalistica del parco di Monte Caloria. Ignoti, infatti, hanno preso di mira un piccolo ristorante situato nei pressi del rifugio montano del cosiddetto “Casello delle Sponze”. Si presume che la sottrazione del materiale sia avvenuta nottetempo, anche se i carabinieri del locale Comando stazione, guidati dal maresciallo Luigi Ferri, ne hanno avuto contezza solo nella mattinata di ieri, giorno di Pasquetta, dopo essere stati avvisati telefonicamente. La struttura ricettiva è stata praticamente svaligiata: la cucina, le celle frigorifere, i tavoli e le sedie sono stati completamente razziati, mentre è rimasto al suo posto solo un bancone (tipo-bar) presumibilmente troppo ingombrante per il trasporto.

La struttura – di proprietà comunale – era stata recuperata dall’Amministrazione guidata dal sindaco Giulio Tarsitano, che l’aveva data poi in affitto ad alcuni giovani fagnanesi che ne avevano preso in cura la gestione. Difficile quantizzare, al momento, il danno economico che potrebbe comunque aggirarsi in diverse decine di migliaia di euro. Chi ha agito, forse approfittando dell’oscurità o comunque del periodo festivo, l’ha fatto sapendo evidentemente che proprio il “Lunedì dell’Angelo” sono diverse le comitive che si recano sulla montagna fagnanese per la consueta gita fuori porta. E proprio ieri mattina la brutta sorpresa del furto, che ha visto intervenire nell’immediatezza oltre ai militari dell’Arma anche il sindaco Tarsitano, il consigliere comunale Oreste Amendola ed il responsabile della Polizia locale, Egidio Barbagallo. Quello perpetrato è, in buona sostanza, un colpo all’economia della struttura ricettiva, ma soprattutto al turismo che proprio in questo periodo si apre alle visite di quanti, specie dal Tirreno cosentino, possono godere di bellezze paesaggistiche e di flora e fauna all’interno di un’area naturalistica davvero incontaminata. Non sfugge, infatti, che la montagna fagnanese, e quindi ciò che ruota attorno al Parco Caloria, propone una buona offerta turistica tesa ad un buon rientro economico. Spesso, oltretutto, sono tante le comitive di turisti visitano il territorio montano e che, una volta giunti sul posto, ammirano uno straordinario scenario naturale: laghi naturali, boschi, ecc. I luoghi montani, inoltre, distano pochi chilometri dal bivio delle Terme Luigiane e sono facilmente raggiungibili sia dalla Statale 283 delle Terme e quanto dalla strada comunale Russale – Cirifusolo – Sponze.

© Riproduzione riservata
Torna in alto

Video di Approfondimento

ozio_gallery_lightgallery

Sport

Editoriali

Rubriche

Informazioni

Partners